Opinioni
28 Novembre 2022
13:07

Fiorello è l’alternativa all’informazione dei Tg, lo showman sul quale viene naturale scommettere

Rosario Fiorello pronto al ritorno in tv con Viva Rai 2, in partenza lunedì 5 dicembre alle 7.15 del mattino. Due anni lontano dai social per scelta: “Mi svegliavo con l’ansia di dover dire per forza qualcosa, ho voluto smettere di essere giovane a tutti i costi”. Ma a lui si perdona tutto perché è un fuoriclasse, lo showman sul quale viene sempre naturale scommettere.
A cura di Eleonora D'Amore

Rosario Fiorello pronto al ritorno in tv con Viva Rai 2, in partenza lunedì 5 dicembre alle 7.15 del mattino. L'esperimento della Rai nasce come proposta alternativa all'informazione canonica offerta dai Tg, che sulle altre reti andranno regolarmente in onda. Una costola di Edicola Fiore, che nacque sui suoi canali social per poi essere spostata su Sky, dove ha visto la naturale conclusione nel 2017. Torna la rassegna stampa del mattino con la solita ironia del noto showman, pronto al ritorno in tv a tre anni da Viva Raiplay!, trasmesso su Rai1 e su Raiplay, e dopo due anni di lontananza dai social. Le parole nella conferenza stampa di presentazione di stamattina hanno chiarito i motivi di questo social detox improvviso:

Da sempre mi confronto sui social. Ultimamente mi sono distaccato dai social, da due anni circa, per una questione personale perché mi svegliavo con l’ansia di dover dire qualcosa. Mi sono chiesto se fosse sano dovermi esprimere per forza sui temi del giorno. Vivevo attaccato allo smartphone, volevo tornare indietro, mi sono fermato nel voler rincorrere il futuro, ho voluto smettere di essere giovane a tutti i costi. Perché alla fine il nostro egocentrismo (di chi opera nello spettacolo, ndr) ci porta a controllare i commenti nella speranza di leggere i complimenti, e invece a volte si deve scontrare con attacchi davvero feroci. Due anni senza essere connesso nel privato, ma solo professionalmente per lanci clip o annunci di lavoro, mi hanno fatto stare una meraviglia, ho ricominciato ad osservare il mondo. Il rovescio della medaglia è che non leggo più i complimenti, questo sì.

Con la solita naturalezza con la quale si può permettere di prendere in giro i vertici Rai anche in presenza, burlandosi di Fuortes e Coletta senza che possano battere ciglio, a Fiorello viene perdonato tutto perché è un fuoriclasse. Impossibile prendersela quando si è soggetti alla sua ironia, né fraintendere le intenzioni quando si esprime sui temi più disparati. Per questo, alla veneranda età di 62 anni, Rosario continua a essere il jolly che la tv di Stato desidera fortemente per sparigliare le carte.

Personaggio intergenerazionale, ha sempre dimostrato di possedere la capacità di sperimentarsi in linguaggi diversi con la stessa efficacia, risultando, di fatto, l'uomo sul quale scommettere, anche in fasce d'ascolto così ostiche e poco fidelizzate come quella del mattino di Rai 2. Il ‘comunque vada sarà un successo‘ trova un campo d'applicazione molto ampio, auspicando che le sue incursioni in altri programmi Rai siano frequenti e cadenzate, ché difficilmente la sua presenza è risultata un ingombro. Escluso Sanremo, che quest'anno lo vedrà apparire solo in remoto, grazie alla collaborazione con l'inviato tiktoker Gabriele Vagnato.

Resta da capire se alzare così tanto l'asticella troverà riscontro nei risultati che la rete (intesa sia come generalista che come piattaforma) sarà in grado si sostenere, ma i dubbi sono pochi sulla scia che questo morning show sarà in grado di lasciare in un perimetro completamente inesplorato. Un po' com'è successo ad Alessandro Cattelan con il late show in seconda serata, che non avrà sempre brillato in ascolti, ma di certo ha rappresentato un fenomeno sugli altri canali di distribuzione. Il nuovo che avanza, la tv che si reinventa, i dati che non sono più soggetti a lettura univoca. Un processo che richiede tempo e i personaggi giusti perché la crossmedialità inizi ad imporsi come valore imprescindibile.

Casertana di origine, napoletana di adozione. Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università L'Orientale di Napoli, lavora a Fanpage.it dal 2010, anno in cui il giornale è nato. Caposervizio dell'area spettacolo.
"Fiorello su Rai1 con Edicola Fiore", lo showman siciliano pronto al ritorno in Tv
Il Cdr del Tg1 scrive a Fiorello:
Il Cdr del Tg1 scrive a Fiorello: "Nessuna guerra, per te solo stima. Facciamo un progetto insieme"
Fiorello:
Fiorello: "Giorgia Meloni era la tata di mia figlia, vorrei renderle il favore con Ginevra"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni