3.260 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2024

Dopo le parole di Ghali, l’Ad Rai Sergio a Domenica In fa leggere a Mara Venier un testo pro Israele: è polemica

Mara Venier in diretta a Domenica In ha letto il comunicato dell’Amministratore Delegato Rai Roberto Sergio: “La mia solidarietà al popolo di Israele e alla Comunità Ebraica è sentita e convinta”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Daniela Seclì
3.260 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2024

L'Amministratore Delegato Rai Roberto Sergio ha fatto pervenire un comunicato in diretta a Domenica In nel quale ha voluto esprimersi, come ha fatto sapere la conduttrice Mara Venier, "in merito a un'affermazione su Israele e Palestina fatta da un artista durante il Festival di Sanremo". Ricordiamo che Ghali, sul palco dell'Ariston ha detto: "Stop al genocidio", facendo riferimento ai fatti di Gaza. In diretta a Domenica In, le parole di Roberto Sergio.

Cosa ha detto Roberto Sergio nel comunicato a Domenica In

Ecco il testo del comunicato che Mara Venier ha letto in diretta a Domenica In:

L'Amministratore Delegato Roberto Sergio ha dichiarato questo: Ogni giorno i nostri telegiornali e i nostri programmi raccontano e continueranno a farlo, la tragedia degli ostaggi nelle mani di Hamas oltre a ricordare la strage dei bambini, donne e uomini del 7 ottobre. La mia solidarietà al popolo di Israele e alla Comunità Ebraica è sentita e convinta.

Mara Venier ha concluso: "Sono le parole, che ovviamente condividiamo tutti, del nostro Amministratore Delegato Roberto Sergio".

La protesta dell'Ambasciatore di Israele

Nelle scorse ore, l'ambasciatore di Israele a Roma, Alon Bar ha protestato per le parole di Ghali: "Ritengo vergognoso che il palco del Festival di Sanremo sia stato sfruttato per diffondere odio e provocazioni in modo superficiale e irresponsabile. Nella strage del 7 ottobre, tra le 1200 vittime, c'erano oltre 360 giovani trucidati e violentati nel corso del Nova Music Festival. Altri 40 di loro, sono stati rapiti e si trovano ancora nelle mani dei terroristi insieme ad altre decine di ostaggi israeliani. Il Festival di Sanremo avrebbe potuto esprimere loro solidarietà. È un peccato che questo non sia accaduto".

La replica di Ghali all'ambasciatore di Israele: "Politica del terrore"

Proprio poche ore prima, a Domenica In, Ghali aveva replicato all'ambasciatore di Israele: "Mi dispiace che abbia risposto in questo modo, ci sono tante cose da dire, proprio queste. E per cosa lo devo usare? Io sono un musicista ancora prima di essere su questo palco". E ha proseguito nel suo intervento:

Ho sempre parlato di questo fin da quando sono bambino, non è dal 7 ottobre e internet può documentare. Questa cosa va avanti già da un pò. La gente ha sempre più paura di dire ‘stop alla guerra e stop al genocidio' e il fatto che lui dica così non va bene, continua questa politica del terrore. Le persone sentono che vanno a perdere qualcosa se dicono ‘viva la pace' e non deve succedere. L'Italia porta valori completamente opposti. Ci sono dei bambini di mezzo.

3.260 CONDIVISIONI
758 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views