269 CONDIVISIONI
29 Aprile 2022
15:55

Francesco Oppini ricorda la fidanzata morta: “Mi sentii in colpa di non essere al suo posto”

Francesco Oppini a Oggi è un altro giorno ha raccontato del dolore vissuto quando ha perso la fidanzata Luana nel 2006, morta in un incidente stradale. Al suo fianco in studio mamma Alba Parietti: “È stata fondamentale per me”.
A cura di Gaia Martino
269 CONDIVISIONI

Alba Parietti e il figlio Francesco Oppini sono stati ospiti di Serena Bortone nel programma Oggi è un altro giorno. Hanno parlato del passato, dalla carriera di mamma Alba alla nascita dell'ex concorrente del Grande Fratello VIP. In collegamento con loro anche Franco Oppini: "È sempre stato un bravissimo ragazzo, anche se è sempre stato con la mamma" ha scherzato. "I miei genitori sono sempre stati presenti, sopratutto nei momenti difficili. Mi hanno sempre alleggerito i dispiaceri" ha spiegato Oppini junior che a 24 anni ha dovuto sopportare e imparare a convivere con un enorme dolore, quello della perdita della sua ex fidanzata, Luana, morta in un incidente stradale. Per lei fece il suo primo tatuaggio.

Le parole di Francesco Oppini

A Oggi è un altro giorno Francesco Oppini ha parlato della morte della sua ex fidanzata, Luana, morta in un incidente stradale. A lei, dopo la perdita, ha dedicato il suo primo tatuaggio: si incise sulla pelle le iniziali insieme alla mamma di lei.

Il mio primo tatuaggio è molto tenero, l'ho fatto per una persona che non c'è più, quando non c'era più. L'ho fatto con la sua mamma, ci tatuammo la sigla del suo nome.

L'incidente è avvenuto nel 2006, ha raccontato l'ex gieffino che ha spiegato nel dettaglio il dolore provato:

È successo nel 2006. Lei rappresenta una crescita forzata e improvvisa, ho superato il dolore più inaspettato che una persona possa avere all'età che avevo, 24 anni. A quell'età non puoi pensare che possa succedere una cosa così. Siamo tutti appesi a un filo e così impari a non avere rimorsi, cominci a fare le cose che ti senti di fare. Se sorrido oggi è grazie a lei, per il suo atteggiamento verso la vita: aveva il sorriso h24 su ogni cosa, anche di fronte i problemi.

La vicinanza di mamma Alba Parietti

Durante il drammatico periodo, al suo fianco c'è sempre stata mamma Alba Parietti. "Durante il dolore papà era a Milano, era presente ma a distanza. Vivevo con gli antidepressivi. Mamma la conosceva, ero in casa con lei quando è successo, mi è stata vicino, è stata fondamentale" ha raccontato Francesco Oppini. Anche per la showgirl e conduttrice televisiva è stato un periodo difficile da superare: "Vedere la sofferenza di tuo figlio è insopportabile, inaccettabile. L'impotenza totale, non poter togliere quel dolore è una frustrazione. Convivevamo ogni giorno con la tragedia, ero anche diventata molto amica della mamma di lei. Il dolore di mio figlio quell'anno vissuto insieme è stato difficile da gestire".

È stata una crescita per entrambi, ha spiegato aggiungendo di aver fatto anche lei uso di antidepressivi in quel periodo: "Convivere con un dolore così profondo, è difficile da spiegare, è stata una crescita reciproca. Ho preso anche io depressivi, lei era diventata un'ossessione". Parola infine a Francesco Oppini che ha concluso:

Mi sentivo in colpa di non essere nella sua situazione, non volevo aiuto da nessuno. Il cervello può giocare brutti scherzi. Quando vivi una cosa così brutta e forte, la cosa peggiore che ti possa capitare è svegliarsi ogni giorno, quindi realizzare ogni giorno, per forza. Io non volevo mai andare a dormire perché sapevo che svegliarsi era una nuova botta. Non dimentichi più, certe persone.

269 CONDIVISIONI
La risposta di Tommaso Zorzi alle parole di Francesco Oppini
La risposta di Tommaso Zorzi alle parole di Francesco Oppini
Sarebbe finita tra Francesco Oppini e Cristina Tomasini, lei: “Se sono innamorata? Sì, della vita”
Sarebbe finita tra Francesco Oppini e Cristina Tomasini, lei: “Se sono innamorata? Sì, della vita”
Francesco Oppini:
Francesco Oppini: "Ho rivisto Tommaso", Zorzi interviene sui social
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni