Festival di Sanremo 2022
2 Febbraio 2022
21:45

Sesso Occasionale, il testo e il significato della canzone di Tananai a Sanremo 2022

Dopo essersi classificato al secondo posto di Sanremo Giovani con “Esagerata”, TANANAI esordisce da Big con il brano “Sesso Occasionale”.
A cura di Vincenzo Nasto
Tananai Sanremo 2022, foto di Alessandro Treves
Tananai Sanremo 2022, foto di Alessandro Treves
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2022

Dopo aver mostrato il suo talento e la sua spensieratezza con "Esagerata" a Sanremo Giovani, che le è valso la prima convocazione tra i big del Festival, TANANAI, nome d'arte di Alberto Cotta Ramusino, si presenterà il prossimo 1° febbraio sul palco dell'Ariston con "Sesso Occasionale". Il giovane cantante classe 1995, noto in passato con il nome Not for Us, un progetto elettronico che ha preceduto la sua fase indie, cercherà di conquistare il pubblico mainstream, con una leggerezza che non sembra appartenere a un esordiente. Il suo brano è prodotto da D.Whale, nome d'arte di Davide Simonetta, nello staff anche di Fedez e produttore di "Disumano", da Paolo Antonacci, nipote di Gianni Morandi e figlio del cantante Biagio, e da Alessandro Rainacercherà. Racconterà un tira e molla tra due partner, tra la prospettiva di un'evoluzione di un rapporto e la zona di comfort rappresentato dal sesso occasione, in cui i due protagonisti risorgono.

Il testo di Sesso Occasionale

Non mi ricordo dove ho parcheggiato la mia macchina distrutta
ok va bene che sono distratto nemmeno tu sei perfetta
e quanto ti ho aspettata ma tu no no, stavi cercando un tipo, qualcosa che non ho
Un altro un po' più freddo ma io no, io c'ho 38 gradi in corpo
E la testa in alto mare, troviamoci una casa
e non finiamoci più nel sesso occasionale
ma sappi che tra un anno, un giorno, non avrò capito ancora di cosa hai bisogno
Baby ritorna da me e metti via quella pistola
Baby ma dai cosa c'è, quell'altra non mi è mai piaciuta
Abbiamo litigato come i gatti sembra che è caduto il cielo
Ok va bene che non lo rifaccio si però dai anche meno
e quanto ti ho aspettata ma tu no no
Ballavi con un tipo, de Niro al quinto shot
Rimani fino a tardi ma io no, io me ne vado che c'ho sonno
E la testa in alto mare, troviamoci una casa e non finiamoci più
nel sesso occasionale ma sappi che
tra un anno, un giorno, non avrò capito ancora di cosa hai bisogno
Baby ritorna da me e metti via quella pistola
Baby ma dai cosa c'è, quell'altra non mi è mai piaciuta
Tranquilli noi, tranquilli mai, tranquilla lei non mi è piaciuta
Tranquilli noi, tranquilli mai, tranquilla lei non mi è piaciuta
Baby ritorna da me e metti via quella pistola
Baby ma dai cosa c'è, quell'altra non mi è mai piaciuta
Tranquilli noi, tranquilli mai, tranquilla
lei non mi è piaciuta
Tranquilli noi, tranquilli mai, tranquilla
lei non mi è piaciuta

Il significato di Sesso Occasionale

Se non avesse convinto tutti già durante l'edizione passata di Sanremo Giovani, in cui insieme a Yuman e Matteo Romano ha conquistato un posto da Big al prossimo Festival di Sanremo, "Sesso occasionale" rappresenta la più grande dichiarazione di libertà e leggerezza che il cantautore indie potesse dare. Alberto Cotta Ramusino, questo il vero nome di TANANAI, dopo aver partecipato con "Esagerata", si rimette nelle mani di D.Whale, produttore nello staff di Fedez, Paolo Antonacci, nipote di Gianni Morandi e figlio del cantante Biagio, e Alessandro Raina. Il risultato è un brano che ricorda una delle prime apparizioni di Achille Lauro sul palco del Festival, un cantante che non ha paura di presentare sul palco un gergo linguistico e una narrazione che non appartiene propriamente alla forma canzone del Festival, ma che in questa edizione potrebbe nascere sotto una nuova stella grazie anche alla presenza di artisti come Sangiovanni e Matteo Romano, oltre che di Blanco e Rkomi. Il brano ha il suo punto più alto nel ritornello, quando TANANAI canta: "Baby ritorna da me e metti via quella pistola, baby ma dai cosa c'è, quell'altra non mi è mai piaciuta. Abbiamo litigato come i gatti sembra che è caduto il cielo, ok va bene che non lo rifaccio si però dai anche meno".

569 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni