862 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2022
6 Febbraio 2022
1:49

Mahmood e Blanco sono i vincitori di Sanremo che Amadeus meritava

Mahmood e Blanco sono i vincitori del Festival di Sanremo e lo specchio perfetto di ciò che Amadeus ha creato in questi tre anni.
A cura di Francesco Raiola
862 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2022

La vittoria di Mahmood e Blanco al Festival di Sanremo era quasi annunciata e solo Elisa o Gianni Morandi avrebbero potuto fermare il duo. Non ce l'hanno fatta e così "Brividi" è la nuova vincitrice della rassegna seguendo il successo di "Zitti e buoni" dei Maneskin e augurandosi lo stesso successo internazionale. Mahmood e Blanco sono figli diretti dell'idea musicale di Amadeus e la vittoria corona il triennio del presentatore che alla fine, da questi Sanremo, ne esce come il protagonista assoluto, supportato da critica e numeri.

La coppia di Brividi è stata uno degli assi nella manica di questa edizione (assieme al ritorno di Elisa, per esempio, ma anche alla presenza di Gianni Morandi e Massimo Ranieri e quella di Rkomi, l'artista più ascoltato in Italian nel 2021). Mahmood rappresenta l'inizio di un cambiamento, cominciato con Claudio Baglioni, mentre Blanco è la gioventù che conquista il Paese e va al festival, inaspettatamente, e trasversalmente conquista un pubblico diverso e una platea poco abituata a un mood come quello dell'autore di "Notti in bianco".

Mahmood e Blanco, in altre edizioni sarebbero saliti sul palco come superospiti: l'ex vincitore amatissimo dal pubblico e la nuova stella della musica italiana, che ha macinato consensi e numeri in poco più di un anno. Ma il successo di Amadeus è stato quello di averli in gara e convincendo un'artista come Elisa a confrontarcisi. I due hanno portato un pezzo che in poche ore ha preso l'abbrivio verso un po' di record (come quello della canzone più ascoltata su Spotify nelle prime 24 ore con 3.384.192 stream), ma soprattuto riuscendo a risultare accessibili pur senza snaturare le proprie peculiarità.

Amadeus lo merita, merita il successo dei Maneskin e merita di aver permesso a Mahmood e Blanco di vincere (e anche Diodato è una sua vittoria, rallentata solo dalla pandemia mondiale), perché sono il volto, la voce, l'anima del cambiamento che Sanremo ha dato alla musica italiana popolare, quella mainstream, quella che va in radio e diventa tormentone. Quella che non ha più paura di avere Sanremo come il proprio palco principale. A chi segue toccherà un compito ingrato, ai cantanti, speriamo, quello di andare in gara e farci divertire.

862 CONDIVISIONI
568 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni