Una domenica al mare in famiglia si è trasformata in tragedia per una ragazza statunitense di 17 anni originaria del North Carolina, Paige Winter. Mentre nuotava le acque antistanti il Fort Macon State Park uno squalo l'ha presa di mira e attaccata arrivando a strapparle a morsi una gamba e diverse dita delle mani prima di essere allontanato. Per la ragazza poteva finire anche peggio se non fosse intervenuto il padre che con coraggio si è scagliato contro lo squalo colpendolo più volte in testa fino a riuscire ad allontanarlo prima che  l'animale uccidesse la figlia. La tragedia nel tarda mattinata di domenica, intorno alle 12.30 davanti ad uno stabilimento balneare.

fondamentale oltre all'intervento del genitore anche quello di altri villeggianti che si sono subito lanciati in acqua per soccorrere padre e figlia e riportarli a riva. Immediato poi anche l'intervento dei soccorsi medici che hanno provveduto a trasportare la minore in elicottero al centro traumi più vicino a circa 130 chilometri a nord del luogo dell'incidente. La ragazza anche se ha riportato ferite gravissime ora non è più in pericolo di vita. "Ha perso una gamba, forse avrà bisogno anche di un trapianto di mano in futuro  ma è ancora viva" ha spiegato la nonna raccontando che "vuole che tutti sappiano che gli squali sono ancora animali splendidi". "Nonostante questa sfortunata circostanza, Paige ha un amore incrollabile per la vita marina e gli animali che vivono nell'acqua e desidera che le persone continuino a rispettare gli squali nel loro ambiente" hanno sottolineato i familiari