Si è tuffata in piscina senza togliere le lenti a contatto. Ma mai avrebbe potuto immaginare che questo gesto le avrebbe causato la perdita della vista da un occhio e anni di calvario. È successo a Emma Jenkins, una 39enne di Bournemouth, in Gran Bretagna, madre di due bimbi. I fatti risalgono al 2013, ma solo ora è riuscita a raccontare la sua storia alla stampa locale. Era ottobre quando Emma fece quel tuffo mentre si trovava in vacanza con il compagno in Scozia. Dopo aver nuotato per una ventina di minuti, aveva cominciato ad avvertire una forte irritazione all'occhio sinistro. Tolse le lenti perché le davano fastidio e andò a dormire, sperando che tutto fosse risolto.

Ma nei giorni successivi le sue condizioni peggiorarono improvvisamente: cominciò ad avvertire mal di testa e si oscurò improvvisamente la vista. Tuttavia, per non rovinarsi la fine di quella piccola vacanza, decise di aspettare il suo ritorno a casa per consultare un medico. A quel punto al Royal Bournemouth Hospital le diagnosticarono una uveite anteriore, vale a dire una grave infezione oculare, dovuta a batteri microscopi come l'Acanthamoeba che possono distruggere la cornea portando alla perdita permanente della vista. Lei, però, aveva fatto passare troppo tempo e i batteri si erano moltiplicati molto rapidamente. Nessuno dei trattamenti che le vennero somministrati in seguito ebbero l'effetto sperato. Tre giorni più tardi si accorse di essere cieca da un occhio. E i medici le dissero che non la sua vista non sarebbe mai più tornata come prima.

Solo nel giugno 2016 è stata sottoposta a un trapianto di cornea: l'intervento è servito a ridarle parzialmente la vista, e oggi Emma può dirsi in parte guarita. "Ora posso vedere anche se non riesco a mettere a fuoco oggetti e persone, e soffro di secchezza all'occhio, ma è sempre meglio questo che non vedere affatto – ha detto alla stampa locale -. Penso che siano tante le persone che, come me 5 anni fa, non conoscono i pericoli insiti nell'uso delle lenti a contatto in acqua: probabilmente servirebbe più informazione a questo riguardo".