Dalla mezzanotte di sabato 8 maggio partiranno le prenotazioni del vaccino anti Covid-19 per i cittadini di Roma e del Lazio con età compresa tra 55 e 54 anni, cioè per coloro che sono nati negli anni 1966 e 1967. Da domani, quindi, potranno fissare l'appuntamento tutti coloro che hanno un età pari o superiore a 54 anni. Per farlo occorre la tessera sanitaria per indicare sia il codice fiscale che le ultime 13 cifre del codice TEAM (che si trova sul retro della tessera). Le prenotazioni, come di consueto, si effettuano sul sito PrenotaVaccinoCovid della Regione Lazio.

Qua la mappa di tutti i punti vaccinali del Lazio (aggiornata a fine aprile) con il tipo di vaccino che viene somministrato in ogni centro.

Attualmente nel Lazio possono prenotare anche i cittadini con più di 18 anni che sono inseriti nella ‘Categoria 4' del piano vaccinale nazionale: si tratta di coloro che non possono essere considerati fragili, ma che hanno un'esenzione per patologia. Qua l'elenco di tutte le esenzioni accettate.

Gli obiettivi della campagna vaccinale del Lazio

L'obiettivo del Lazio, annunciato ieri dall'assessore D'Amato, è quello di vaccinare entro luglio tutti i 30enni. Dalla prossima settimana, inoltre, la regione della Capitale accelererà nel ritmo delle vaccinazioni giornaliere arrivando a quota 50mila (attualmente nel Lazio vengono somministrati tra i 35mila e i 40mila vaccini al giorno). Da giugno ci saranno tre canali per la prenotazione: quello dei centri e degli hub vaccinali, quello delle farmacie (per ora con il vaccino Johnson&Johnson) e degli studi dei medici di famiglia e infine quello dei grandi luoghi di lavoro. L'intenzione di D'Amato è quella di completare entro fine maggio la prenotazione dei 50enni. Da giugno, invece, si dovrebbe procedere con 40enni e 30enni, ma non è escluso che da metà mese possano cominciare già anche le prenotazioni per i 20enni.