Coronavirus
13 Luglio 2021
18:05

Vaccini Covid Lazio, D’Amato: “Raggiunto il 50 per cento della copertura totale”

L’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato ha detto che “abbiamo raggiunto il 50 per cento della copertura totale e superato il 70 per cento degli adulti che hanno ricevuto la prima dose”. L’8 agosto è la data in cui spera di ottenere l’immunità di gregge. Ieri il Lazio è stata la regione con più contagi d’Italia.
A cura di Alessia Rabbai
Alessio D’Amato
Alessio D’Amato
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

"Abbiamo raggiunto il 50 per cento della copertura totale e superato il 70 per cento degli adulti che hanno ricevuto la prima dose". Sono le parole dell'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, in occasione della diffusione del bollettino medico sulla diffusione del coronavirus nel Lazio di oggi, martedì 13 luglio. Continua la campagna vaccinale, con l'obiettivo che la regione si è prefissata, ossia il raggiungimento dell'immunità di gregge entro l'8 agosto, con il 70 per cento delle persone vaccinate. Nel frattempo proseguono le iniziative vaccinali in corso nelle varie Asl territoriali. Ieri il Lazio è stata la regione d'Italia che ha registrato più casi, 172. L'assessore ha espresso preoccupazione sul previsto aumento dei contagi nelle prossime settimane dopo gli assembramenti che si sono registrati a seuito della vittoria degli Italia agli Euro 2020.

D'Amato sconsiglia i viaggi all'estero

Resta alta l'attenzione per le partenze estive fuori dall'Italia per l'aumento dei contagi dovuto alla variante Delta del coronavirus. L'assessore D'Amato sconsiglia viaggi all'estero alle persone non ancora vaccinate o che hanno ricevuto solo la prima dose, specialmente ai giovani, facendo appello al loro buon senso e alla loro responsabilità e di farlo solo al termine del percorso vaccinale, a tutela della propria salute e di quella degli altri. “Siamo in pandemia, ci sono delle priorità. La prima è mettere in sicurezza la propria salute – ha detto in un'intervista rilasciata a La Repubblica – Chi pensa che la priorità è il viaggio, finisce per incorrere in altre difficoltà, sbaglia chi ha fatto slittare il vaccino pur di andare in vacanza”. Allo stesso tempo chiede alle istituzioni preposte di fare presto chiarezza sul greenpass. L'Unione Europea oggi ha però ribadito attraverso le parole del portavoce della Commissione Ue, Christian Wigand che non verrà introdotto l'obbligo del vaccino per viaggiare e spostarsi all'interno dei confini europei.

27090 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni