31 Dicembre 2021
10:19

Tangenti all’Aeronautica militare: trenta indagati tra generali e funzionari

La Procura di Roma ha chiuso le indagini nei confronti di trenta militari tra generali e funzionari per i reati di corruzione e turbativa d’asta.
A cura di Alessia Rabbai
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Sono trenta tra generali e funzionari gli indagati in un'inchiesta della Procura della Repubblica di Roma su tangenti all'Aeronautica Militare. Tra i reati contestati a vario titolo ci sono quelli di corruzione e turbativa d’asta. Il pubblico ministero Claudio Villani ha disposto la chiusura delle indagini, atto al quale seguirà la richiesta di rinvio a giudizio. Le indagini sono emerse da alcune irregolarità, che hanno spinto gli inquirenti a vederci chiaro. Come riporta Il Corriere della Sera in un articolo a firma di Giulio De Santis, tra le irregolarità appunto compaiono assunzioni, promesse di contratti e bustarelle di diverse migliaia di euro. Tra i nomi dei militari coinvolti ci sono il colonnello Antonio Natale Palmieri, il generale Gennaro Cuciniello, i colonnelli Michele Minenna, Matteo Rinaldi, il sottotenente Simone Orru, Massimo Cicerone luogotenente responsabile dell’Imas, istituto di medicina aerospaziale dell’Aeronautica Raffaele Arpaia e Jan De Vadder, procurement division dell’agenzia Nspa, ente della Nato.

Le accuse di corruzione e turbativa d'asta

Secondo l'accusa, come riportato dal Corriere, il colonnello Palmieri a febbraio 2019 avrebbe chiesto all’imprenditore Claudio Montingelli 20mila euro, con i quali avrebbe pilotato l’appalto per la digitalizzazione delle cartelle sanitarie nell’aeroporto di Centocelle e ricevuto anche un cane di razza pastore tedesco, dal valore di 800 euro. Una mazzetta che avrebbe diviso con Cuciniello. Per quanto riguarda la manutenzione degli impianti elettrici Palmieri ha ricevuto da l'imprenditore Crisciotti il 10%. I due appalti per la manutenzione del verde dell'aeroporto sono stati invece promessi a Cicerone. A Cuciniello va la promessa che il figlio sarebbe stato assunto nella ditta per la fornitura dei beni e servizi a Pratica di Mare. Orru, anch'egli coinvolto nella vicenda, sarebbe accusato di turbativa d’asta. Rinaldi, nel gennaio del 2019 avrebbe pilotato un appalto di fornitura di scarponi dietro la promessa di un'assunzione e avrebbe chiesto 10mila euro per De Vadder. Sono infine rispettivamente 4mila euro e 15mila euro i soldi pretesi da Arpaia e Cuciniello per la digitalizzazione degli atti dell’Imas.

Imbratta entrata di casa del collega con escrementi: funzionario di Palazzo Chigi rischia il carcere
Imbratta entrata di casa del collega con escrementi: funzionario di Palazzo Chigi rischia il carcere
Precari della cultura interrompono gli Stati Generali del Mondo del Lavoro:
Precari della cultura interrompono gli Stati Generali del Mondo del Lavoro: "Oggi parliamo noi"
Operaio cade da una scala ed è grave: imprenditore indagato per lesioni
Operaio cade da una scala ed è grave: imprenditore indagato per lesioni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni