119 CONDIVISIONI
20 Ottobre 2021
17:15

Studenti occupano il liceo Ripetta e calano uno striscione: la preside minaccia lo sgombero

Abolizione degli orari scaglionati e delle multe, ricreazione libera, più fondi e laboratori artistici sono alcune delle richieste avanzate dagli studenti del Liceo Artistico Ripetta di Roma. Ragazzi e ragazzi a partire dalle ore 13 di oggi l’hanno occupato, mentre la preside minaccia lo sgombero.
A cura di Alessia Rabbai
119 CONDIVISIONI

Il Liceo Artistico Ripetta è occupato. Oggi gli studenti a partire dalle ore 13 sono entrati nella sede centrale, per protestare contro le problematiche che riguardano l'istituto, contro il modello scolastico portato avanti dal Governo e dal ministro Bianchi. Come appreso da Fanpage.it un centinaio di ragazzi e ragazze è dentro, gli studenti hanno calato lo striscione e dichiarato l'occupazione, mentre un altro centinaio si trova all'esterno dell'edificio. "Sono in corso le trattative di mediazione con la polizia e la dirigente scolastica Anna De Santis, che non vuole sentire ragioni e minaccia lo sgombero – ha detto uno studente – la nostra intenzione è non mollare e rimanere qui, per farci ascoltare". Tra le richieste avanzate ci sono l'abolizione degli orari scaglionati e la ricreazione libera, l'eliminazione della multa per chi non rispetta le regole, così come una maggiore socialità negli ambienti scolastici, che permetta agli studenti di stare insieme per condurre maggiori attività.

Un tema quello di entrate e uscite a fasce orarie, che sono state inserite per contingentare gli accessi e il flusso di persone per l'emergenza coronavirus, che non smette di creare polemiche tra gli studenti, per le difficoltà a gestire il rientro a casa con i mezzi pubblici, lo studio e la vita adolescenziale. "Tali problematiche le abbiamo sentite gravare sulle nostre spalle in maniera esorbitante dall'inizio della pandemia fino ad adesso, dove il malessere e la rabbia sono esplosi" spiegano gli studenti in agitazione. Per quanto riguarda invece più propriamente l'organizzazione della didattica vorrebbero la ripresa delle attività laboratoriali con attività programmate in sicurezza, un miglioramento del perscorso che segue gli studenti con disturbo specifico di apprendimento o con bisogni educativi speciali (Dsa e Bes), insieme a fondi per l'edilizia scolastica e più personale docente per le lezioni.

119 CONDIVISIONI
Gli studenti occupano il liceo Visconti a Roma contro il Governo Draghi: è il sesto nella capitale
Gli studenti occupano il liceo Visconti a Roma contro il Governo Draghi: è il sesto nella capitale
Roma, studenti occupano il liceo Righi: è il sedicesimo nella capitale
Roma, studenti occupano il liceo Righi: è il sedicesimo nella capitale
Studenti entrano nella notte al Liceo Tasso: è il settimo occupato a Roma
Studenti entrano nella notte al Liceo Tasso: è il settimo occupato a Roma
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni