78 CONDIVISIONI

Scuola devastata dopo l’occupazione, muri e porte sfondate. Ma gli studenti: “Non siamo stati noi”

“L’occupazione non era supportata dagli studenti ma solo da una quarantina di persone”, si difende una studente con un commento sotto al video su Instagram.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Beatrice Tominic
78 CONDIVISIONI
Foto s screenshoot da Welcome to Favelas.
Foto s screenshoot da Welcome to Favelas.

Sono tornati in classe dopo otto giorni di occupazione gli e le studenti del liceo Giorgi Woolf, in viale Palmiro Togliatti. E hanno trovato solo devastazione nel loro istituto. Questo, almeno, è quanto di vede in alcune foto e alcuni video pubblicati su Instagram. La situazione davanti alla quale si sono trovati davanti inservienti e collaboratori scolastici è pessima: confusione, postazioni e dispositivi elettronici distrutti. Buchi nel muro e nelle porte. "Hanno aperto l'estintore, a scuola è tutto bianco, c'è la neve", dice la voce della persona che sta girando per la struttura riprendendo segreteria, classi, corridoi.

"Questa occupazione non è stata supportata dagli e dalle studenti della scuola, ma solo da quegli individui che sono entrati – raccontano a Fanpage.it dal Giorgi – Erano una trentina, forse quaranta persone perché non volevano andare a scuola. Hanno provato ad occupare scuola lunedì, ci hanno riprovato il giorno dopo e ci sono riusciti: i rappresentanti d'istituto non erano stati informati. E i rappresentanti dei vari indirizzi di studio si sono espressi contrari all'occupazione".

Secondo quanto raccontato, avrebbero lasciato la scuola ieri mattina. Poco dopo sono entrati professori e preside. "All'inizio ci hanno chiesto di aiutare a pulire, poi hanno detto che per noi non era sicuro. Ora ci hanno appena comunicato che torneremo in classe domani. Ma non so cosa troveremo". Per gli e le studenti della scuola non è la prima occupazione: "Abbiamo occupato nel 2021, ma avevamo un motivo vero. Eravamo noi ed era un'occupazione controllata. Stavolta no: erano pochi studenti e molti esterni".

Il video all'interno della scuola

Una delle porte della scuola adesso ha un buco enorme: l'aula resta aperta, anche quando la porta è chiusa. Nella postazione della segreteria sporcizia, cavi in disordine e apparecchiature nel caos: tutto è distrutto. Sedie e tavoli lasciati in mezzo ai corridoi, secchi dell'immondizia gettati a terra, con la pattumiera sul pavimento. Banchi divelti nelle classi, macchinette rotte.

"Mamma mia, guarda qua che roba: tutto distrutto", si sente dire nei video. Banchi divelti nelle classi,  "Si sono lamentati dei buchi? Beccati sto buco, tiè – si sente dire dalla stessa voce mentre inquadra con il telefonino un apertura nel muro, a sinistra della lavagna – No, riprendo giusto per vedere i danni. Qua è tutto bianco, hanno aperto l'estintore. È come se ci fosse la neve".

Le reazioni nei commenti

"Fate pagare ai genitori, poi vedi come piangono", scrive un utente. Fa eco un altro: "Occupare la scuola perché non funziona nulla e lasciarla peggio di come era prima". E c'è chi continua: "Ma non ve potete drogà come tutti gli adolescenti normali?". Un altro ancora aggiunge: "Occupano perché la scuola è in condizioni pietose o perché vogliono buttarla giù?"

78 CONDIVISIONI
Professoressa accoltellata alla schiena all’entrata della scuola: arrestato uno studente 17enne
Professoressa accoltellata alla schiena all’entrata della scuola: arrestato uno studente 17enne
Scuole a Roma e nel Lazio, quasi il 70% degli studenti sceglie un liceo: il flop del Made in Italy
Scuole a Roma e nel Lazio, quasi il 70% degli studenti sceglie un liceo: il flop del Made in Italy
Dopo il suicidio rivolta nel Cpr di Ponte Galeria a Roma: muri e strutture distrutte
Dopo il suicidio rivolta nel Cpr di Ponte Galeria a Roma: muri e strutture distrutte
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views