165 CONDIVISIONI

Sabate, la leggenda dell’antica città sommersa nel Lago di Bracciano

Una delle storie legate alla mitica città di Sabate vuole che un’entità divina l’ha distrutta, facendola sprofondare in fondo al Lago di Bracciano per vendetta nei confronti dei suoi abitanti, risparmiando una sola fanciulla, che è scappata fino a un colle dove oggi sorge la Chiesa della Madonna del Riposo.
A cura di Alessia Rabbai
165 CONDIVISIONI

Alle porte di Roma c'è la leggenda di una città sommersa nelle acque del Lago di Bracciano. La storia tramandata nel corso delle generazioni vuole che Sabate, o Sabazia, era un abitato antichissimo, del quale oggi non se ne conoscono né l'esatta localizzazione né le sue origini, che sfumano nel mito. L'ipotesi è che sia finita in profondità a causa di un cataclisma naturale, che l'ha inghiottita e trascinata nell'abisso. Ciò che è noto è che da questa leggendaria città ha preso il nome quel territorio della provincia a Nord di Roma, che si estende intorno al lago, stretto tra il litorale e la Tuscia, conosciuto appunto anche con il nome di Bacino Sabatino. Il termine Sabate deriverebbe dal dio Sabazio, divinità di origine traco-frigia legata a Dioniso, il cui culto ha conosciuto ampia diffusione in area greca nel periodo classico ed ellenistico, legato alla vegetazione, in particolare all’orzo e al grano.

Resti di una città sommersa nel Lago di Bracciano

Come riporta il progetto ‘Lago sabatino, Archeologia, Storia e Storia dell'Arte' di Sabate leggiamo per la prima volta nell'opera Italia Antiqua, testimonianza del 1624 dello storico e geografo tedesco Cluverio, che cita il testo di un certo Sozione, personaggio ignoto, che racconta come le acque del Lago di Bracciano "quando erano limpide, lasciavano intravedere sul fondale i resti di edifici e di statue appartenute ad un’antica città sommersa". Paolo Bondi da Fiumalbo nelle sue ‘Memorie storiche sulla città Sabazia', scritta alla metà del XIX secolo, identifica la città perduta con Trevignano Romano. Un'altra ipotesi ancora è che sia stato un abitato di epoca etrusca, fondato parallelamente alla nascita di Roma.

La leggenda della punizione divina e della fanciulla risparmiata

A Bracciano il ricordo della città scomparsa nel lago è legato alla fondazione della chiesa di Santa Maria del Riposo. La leggenda narra che dalla catastrofe si è salvata una sola fanciulla, l'unica che ha mostrato empatia nei confronti di un entità misteriosa, che ha distrutto Sabate per vendetta insieme a tutti i suoi abitanti. La ragazza ha trovato salvezza correndo senza mai girarsi fino al colle di Bracciano, dove oggi sorge la chiesa.

165 CONDIVISIONI
Ancora nessuna traccia del corpo di Samuel, inghiottito 2 mesi fa dalle acque del lago di Bracciano
Ancora nessuna traccia del corpo di Samuel, inghiottito 2 mesi fa dalle acque del lago di Bracciano
A Ostia Antica il Festival della Vagina Felice: "Normalizziamo la sessualità e il piacere femminile"
A Ostia Antica il Festival della Vagina Felice: "Normalizziamo la sessualità e il piacere femminile"
Cosa fare a Roma nel weekend: gli eventi in programma sabato 28 e domenica 29 agosto
Cosa fare a Roma nel weekend: gli eventi in programma sabato 28 e domenica 29 agosto
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni