Danilo Cerboni, l'uomo di 45 anni rimasto coinvolto in un grave incidente la notte del 10 novembre in via Andersen, è deceduto dopo una settimana di agonia. Troppo gravi le ferite riportate nello schianto contro il camper: i medici hanno tentato di tutto per farlo sopravvivere, ma le sue condizioni erano apparse disperate sin dall'arrivo in ospedale, al Policlinico Gemelli di Roma. Il decesso è avvenuto il 16 novembre: sull'incidente, che sembrerebbe essere stato autonomo e senza il coinvolgimento di altri veicoli, indaga la Polizia Locale III Gruppo Nomentano. Grande il cordoglio sui social: in questi giorni sono decine le persone che stanno ricordando Danilo Cerboni e sono disperate per la sua prematura scomparsa. "Voglio rendere omaggio ad un nostro amico ragazzo del nostro quartiere – scrive un amico su Facebook – Danilo Cerboni riposa in pace, sarai sempre nel nostro cuore".

Morto Danilo Cerboni, l'incidente il 10 novembre

Danilo Cerboni è rimasto coinvolto in un grave incidente stradale avvenuto alle 2.30 del 10 novembre in via Andersen, al Quartaccio. Il 45enne si trovava a bordo del suo scooter, un Suzuky Burgman, quando ha perso il controllo, andandosi a schiantare contro la fiancata di un camper parcheggiato in strada. Caduto rovinosamente a terra, l'urto con l'asfalto è stato molto violento: sul posto sono giunti immediatamente i soccorsi del 118, che lo hanno portato in codice rosso al Policlinico Gemelli, sperando che ce la potesse fare. Le sue condizioni però, erano già apparse molto gravi: dopo una settimana in cui ha lottato per rimanere in vita è spirato in ospedale. Le cause dell'incidente sono ancora in fase di accertamento, non è noto il perché Cerboni abbia perso il controllo del mezzo.