101 CONDIVISIONI
6 Novembre 2020
20:59

Maxi processo al clan Spada: chiesta in appello la conferma di tre ergastoli e il reato di mafia

Il procuratore generale ha chiesto al giudice in Appello la conferma dei tre ergastoli per Carmine detto ‘Romoletto’, Roberto e Ottavio detto ‘Marco’ esponenti del clan Spada e la conferma del reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. La sentenza di primo grado del maxi processo ha stabilito 17 condanne e 7 assoluzioni.
A cura di Alessia Rabbai
101 CONDIVISIONI

Tre ergastoli e la conferma del reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. È la richiesta avanzata in Appello dal procuratore generale Francesco Mollace nella requisitoria che si è svolta oggi, venerdì 6 novembre, nel corso del maxi processo al clan Spada di Ostia. Come riporta da Adnkronos, il pg nell'udienza ha chiesto al giudice che venga confermata la condanna all'ergastolo inflitta in primo grado e pendente nei confronti di Carmine Spada, detto Romoletto, Roberto Spada, già condannato in via definitiva per la testata inferta al giornalista della trasmissione Rai ‘Nemo' Daniele Piervincenzi, e Ottavio Spada, detto Marco. Come da calendario, martedì 17 novembre toccherà a parti civili e difensori.

Il punto sul maxi processo al clan Spada

La sentenza di primo grado del 24 settembre 2019 ha stabilito ben diciassette condanne e sette assoluzioni per un totale di 147 anni di carcere. Oltre agli ergastoli per i tre membri del Clan Spada, le condanne hanno riguardato Ottavio Spada, detto Maciste, a 16 anni, Nando De Silvio, detto Focanera a nove anni, Ruben Alvez del Puerto a 10 anni. La sentenza ha invece visto l'assoluzione di Armando Spada , Enrico Spada, Roberto Spada detto Zibba, Francesco De Silvio, Sami Serour, Stefano De Dominicis e Roberto Sassi.

L'operazione Eclissi ha portato a 32 arresti

Il maxi processo al clan Spada è partito a seguito delle indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, al termine della quali il 25 gennaio 2018 sono scattati trentadue arresti nel corso dell'operazione denominata ‘Eclissi'. Misure di custodia cautelare in carcere che hanno significato un duro colpo al clan romano, con un maxi blitz all'alba compiuto dalle forze dell'ordine, carabinieri e Polizia di Stato, sul litorale della provincia di Roma. Omicidio, estorsione e usura sono i reati contestati agli imputati a vario titolo. Carmine ‘Romoletto' Spada e Roberto Spada sono accusati di essere i mandanti degli omicidi di Giovanni Galleone e di Francesco Antonini avvenuti nel 2011.

101 CONDIVISIONI
La sentenza della Cassazione sul clan Spada di Ostia: "È Mafia"
La sentenza della Cassazione sul clan Spada di Ostia: "È Mafia"
Perché migliaia di fascisti si ritrovano il 7 gennaio a Roma per il "rito" di Acca Larentia
Perché migliaia di fascisti si ritrovano il 7 gennaio a Roma per il "rito" di Acca Larentia
Il tuffo nel Tevere di Mister Ok: onorata la tradizione di Capodanno anche nel 2022
Il tuffo nel Tevere di Mister Ok: onorata la tradizione di Capodanno anche nel 2022
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni