210 CONDIVISIONI

“La matriciana mia”: in un sonetto la ricetta di Aldo Fabrizi del primo piatto romano

L’ossessione gastronomica dell’attore, regista e comico romano Aldo Fabrizi come noto era la pasta, a cui ha dedicato un libro di ricette a sonetti. Tra le più note “La Matriciana mia”, una ricetta che oggi farebbe inorridire i puristi del sugo all’amatriciana che prevede solo guanciale, pecorino e passata di pomodoro.
A cura di Redazione Roma
210 CONDIVISIONI

Attore, regista e comico, della figura di Aldo Fabrizi è rimasta però anche la passione per la cucina. Una passione che ha lasciato traccia non solo nei tanti siparietti su pellicola e negli aneddoti e nelle interviste (celebre quella in cui presenta la sua cucina e dispensa da viaggio), ma anche nei sonetti romaneschi dedicati alle sue personalissime ricette della sua più grande ossessione culinaria: la pasta. Un amore quello tra Fabrizi e il primo italiano per eccellenza, che ha voluto anche riportato sull'epitaffio della sua tomba dove troviamo scritto: “Fu tolto al mondo troppo al dente”.

Una versione della amatriciana

E uno dei sonetti più famosi riguarda l'amatriciana, uno dei primi piatti romani più famosi in tutto il mondo. La poesia si intitola "La Matriciana mia", ed è una variazione decisamente lontana dal canone della tradizione che prevede solo guanciale, pecorino e passata di pomodoro. La ricetta di Aldo Fabrizi prevede invece il soffritto di aglio, cipolla e zenzero, poi guanciale e pancetta e addirittura il basilico. Un modo di preparare l'amatriciana che farebbe oggi inorridire i puristi ma, come dice il poeta, è una ricetta

"La Matriciana mia" di Aldo Fabrizi

Soffriggete in padella staggionata,

cipolla, ojo, zenzero infocato,

mezz'etto de guanciale affumicato

e mezzo de pancetta arotolata.

Ar punto che ‘sta robba è rosolata,

schizzatela d'aceto profumato

e a fiamma viva, quanno è svaporato,

mettete la conserva concentrata.

Appresso er dado che jè dà sapore,

li pommidori freschi San Marzano,

co' un ciuffo de basilico pe' odore.

E ammalappena er sugo fa l'occhietti,

assieme a pecorino e parmigiano,

conditece de prescia li spaghetti.

210 CONDIVISIONI
Morto il leggendario Aldo Bravi del ristorante Pommidoro di Roma, dove Pasolini fece l'ultima cena
Morto il leggendario Aldo Bravi del ristorante Pommidoro di Roma, dove Pasolini fece l'ultima cena
Centrosinistra sostiene la candidata 5 Stelle al ballottaggio nel Municipio VI
Centrosinistra sostiene la candidata 5 Stelle al ballottaggio nel Municipio VI
Elezioni Marino 2021: candidati sindaco, liste e quando si vota  continua
Elezioni Marino 2021: candidati sindaco, liste e quando si vota continua
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni