23 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

La chiusura della tratta Cesano-Viterbo preoccupa: si rischia caos parcheggi e traffico in tilt

Il presidente del XV Municipio Daniele Torquati insieme ai sindaci della provincia Nord di Roma ha chiesto un tavolo di lavoro in Regione sulla chiusura della tratta Cesano-Viterbo. “Si rischia il caos parcheggi e il congestionamento della viabilità”.
A cura di Alessia Rabbai
23 CONDIVISIONI
Treno della linea regionale FL3

La chiusura estiva della tratta Cesano-Viterbo della linea ferroviaria FL3 da giugno a settembre per lavori oltre ad interessare direttamente i pendolari del Nord del Lazio preoccupa anche gli amministratori locali, perché si rischia il caos parcheggi e il congestionamento della viabilità verso e da Roma. La chiusura di parte della linea ferroviaria riguarda diversi Comuni che ricadono in una tratta di circa 40 chilometri abitualmente servita dai treni.

Per raggiungere la Capitale le alternative sono le seguenti: prendere la Roma-Civitavecchia, la cosiddetta "linea del mare" raggiungendo in macchina il litorale, che però fa capolinea a Termini e ovviamente non è una soluzione utile per chi oltre che arrivare in città deve raggiungere le fermate intermedie lungo la FL3. Tutti gli altri pendolari invece possono: raggiungere il posto di lavoro o altre destinazioni direttamente con l'auto privata oppure lasciarla parcheggiata nelle prime stazioni disponibili, ossia Cesano, Olgiata e La Storta.

"Rischio caos parcheggi e traffico in tilt"

Fanpage.it sulla questione ha intervistato il presidente del XV Municipio Daniele Torquati all'interno del quale ricadono le stazioni che verranno sottoposte a maggiore pressione per l'afflusso di pendolari durante i mesi estivi. "Ben vengano i lavori di ammodernamento e rinnovamento tecnologico, che nonostante siano stati programmati nel periodo estivo creeranno comunque disagi. Non possiamo non raccogliere la preoccupazione dei cittadini del Municipio XV e del Comitato Pendolari FL3 per l’interruzione prevista e per l’inevitabile appesantimento sulla viabilità del quadrante, con un incremento del traffico sulle strade di collegamento come via Braccianese e la Cassia bis". Il presidente del XV Municipio così come i sindaci dei Comuni circostanti ha chiesto un tavolo di lavoro con la Regione Lazio, per trovare insieme soluzioni per limitare i disagi.

"Riqualifica e ampiamento dei parcheggi"

"Da una parte abbiamo chiesto ed è in cantiere il rifacimento dei parcheggi esistenti a ridosso delle tre stazioni e la possibilità di individuare nuove aree perché dovremo accogliere le auto dei pendolari di almeno quattro Comuni limitrofi che verranno a prendere il treno nel XV Municipio. In particolare il parcheggio di Cesano è stato realizzato nel 2000 e necessita di un intervento di rifacimento, quello di Olgiata è piccolo e di conseguenza ha una capienza molto limitata mentre quello di La Storta è più grande ma non ottimale e va riqualificato".

"Garantire un servizio bus sostitutivo ai treni"

"In seconda battuta sarà necessario garantire un servizio bus sostitutivo ai treni adeguato in termini di frequenza, tratta e orario". Il tavolo, aggiunge Toquati, "potrà essere anche l’occasione per sollecitare e richiedere il raddoppio della linea ferroviaria, miglioramento infrastrutturale decisivo che auspichiamo da tempo e che continueremo a chiedere" il raddoppio della FL3 era nell'aria da anni, ma a quanto sembra si tratta di un progetto che per il momento Rfi data la natura dei prossimi lavori ha ancora deciso di rinviare.

23 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views