Oltre 24 chili di cocaina e 75mila euro in contanti sono stati sequestrati dagli agenti di Polizia di Stato del commissariato Primavalle in seguito a un blitz antidroga in un affittacamere in zona San Pietro. Tre persone sono state arrestate e portate in carcere: tutte e tre sono accusate di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L'operazione è avvenuta questa notte, dopo il fermo di un giovane di 23 anni in piazza Pio XI durante i normali servizi di controllo. I poliziotti hanno trovato addosso al ragazzo 40mila euro in contanti: una somma ingente, che nessuno si porterebbe mai dietro. Quando gli hanno chiesto da dove provenisse il denaro, il 23enne non ha saputo rispondere. E quindi sono andati a perquisire la camera che aveva affittato per avere un quadro più chiaro della situazione.

Nella stanza i poliziotti hanno trovato altri due ragazzi che, avvertiti dell'imminente arrivo delle forze dell'ordine, stavano provando a ripulire la stanza. I due ce l'avevano quasi fatti, erano arrivati all'uscita quando sono stati sorpresi dalle forze dell'ordine: bloccati, sono stati perquisiti e trovati in possesso di altro denaro, una macchina conta soldi elettronica e materiale vario per il confezionamento della droga. Uno dei due giovani, per provare a non essere fermato, ha dichiarato di essere ‘entrato per sbaglio' bella camera. Ma è sul terzo giovane, un 28enne romano, che si sono intensificati i controlli.

Il ragazzo ha provato in tutti i modi a depistare le indagini, senza successo. I poliziotti sono così andati a casa sua, dove in un trolley nascosto nella camera da letto hanno trovato 24 panetti da un chilo l'uno di cocaina e altri 5 panetti da mezzo chilo sempre di coca. La droga, risultata purissima, immessa sulle piazze di spaccio avrebbe fruttato circa 3 milioni di euro. I tre sono stati arrestati e portati in carcere: le indagini continuano per determinare eventuali complici e scoprire che collegamenti hanno i tre giovani.