Immagine di repertorio (La Presse)
in foto: Immagine di repertorio (La Presse)

Undici persone sono risultate positive al coronavirus dopo aver partecipato ad una festa della pensione, organizzata nei giorni scorsi e alla quale hanno partecipato diversi invitati. Al momento non si conoscono le condizioni di salute dei positivi, messi in quarantena e nei confronti dei quali la Asl ha avviato un'indagine epidemiologica, per risalire ai loro prossimi contatti e sottoporli a loro volta a tampone. A renderlo noto la Regione Lazio nei dati diffusi con il bollettino di giovedì 15 ottobre sugli aggiornamenti relativi all'emergenza coronavirus, dopo il consueto confronto tra assessore regionale alla Sanità, direttori generali delle Asl, aziende ospedaliere, policlinici universitari e ospedale pediatrico Bambino Gesù.

La festa di pensionamento nella Asl Roma 5

Si tratta nello specifico di una festa avvenuta all'interno del territorio della Asl Roma 5. All'interno della stessa Asl un altro cluster riguarda la sede del corriere Bartolini a Gudonia Montecelio, dove oltre 64 dipendenti sono risultati positivi al coronavirus. Il sindaco Michel Barbet ha disposto la chiusura dell'intera struttura, che sarà sottoposta a sanificazione, mentre il personale si trova in isolamento domiliciare ed è in corso l'indagine epidemiologica. Nella Asl Roma 5 si sono registrati 48 contagi.

D'Amato: "Se non si piegano i contagi inevitabili ulteriori misure"

"Se non si piega la curva nei prossimi giorni, saranno inevitabili ulteriori misure" questo il commento di Alessio D'Amato sugli aggiornamenti dell'emergenza coronavirus di giovedì 15 ottobre. "I prossimi giorni saranno particolarmente difficili e dobbiamo mantenere il rigore nei comportamenti". Obiettivo aumentare il numero dei tamponi: "Siamo la Regione che ne sta facendo di più in rapporto agli abitanti". E ha aggiunto: "Aumenteremo ancora questa capacità con l’obiettivo di raggiungere oltre 20 mila tamponi al giorno".