Triplice omicidio a Prati (Roma)
23 Novembre 2022
18:48

Dopo il triplice omicidio di Prati, procura riesamina cold case di Laura Zambani, massacrata nel 2009

Analogie e stessa tipologia di vittima. Anche in quel caso il killer aveva contattato la donna, che si prostituiva in una “casa squillo” allo Statuario, tramite un annuncio sui quotidiani. Il cadavere, che giaceva ai piedi del letto, aveva il cranio sfondato e infilato in una busta. Anche il quel caso, la vittima provò a fuggire dalla furia omicida del suo assassino.
A cura di Emilio Orlando
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Triplice omicidio a Prati (Roma)

Il cadavere in una pozza di sangue accanto al letto, con la testa fracassata e "imbustata" rannicchiato sotto al letto. Completamente vestita, la vittima aveva ferite sulle braccia e in altre parti del corpo. Questi particolari fecero pensare, agli investigatori della sezione omicidi della squadra mobile che la cinquantacinquenne Laura Zambani si era difesa con tutte le forze dalla furia del suo assassino.

Stesse modalità di adescamento, identico "attacco a sorpresa" ma anziché utilizzare un coltello, il killer utilizzò un corpo contundente mai ritrovato. La donna si prostituiva all'insaputa della figlia e dei familiari, in un elegante "pied-a-terr" in via Squillace 21/a allo Statuario, un quartiere storico a Ridosso della via Appia Nuova, poco distante da via delle Capannelle. A richiedere l'intervento della polizia fu un amico della Zambani preoccupato che da ore riusciva più a mettersi in contatto con lei.

Gli annunci che faceva pubblicare la donna, preceduti da diverse A, pubblicizzavano la sua attività che, indicando direttamente la via dove recarsi e dove citofonare, apparivano su diversi quotidiani. Come nel caso delle vittime cinesi di via Riboty e della sessantacinquenne Martha Castano Torres, l'assassino entrò in casa facendosi aprire la porta e spacciandosi con uno dei tanti clienti. Soltanto pochi chilometri di distanza separavano la casa d'appuntamenti e il Tuscolano, zona in cui Giandavide De Pau svolgeva mansioni di factotum per il boss Michele Senese. Nelle prossime ore gli inquirenti della procura di Roma, "riesumeranno" il fascicolo dell'omicidio che venne archiviato senza colpevoli e che alla luce degli elementi attuali potrebbe essere riaperto.

33 contenuti su questa storia
Giandavide De Pau aggedì un barista:
Giandavide De Pau aggedì un barista: "Mi ha preso a pugni in faccia, non ci vedevo più"
Blitz femminista a Prati per le donne uccise da De Pau:
Blitz femminista a Prati per le donne uccise da De Pau: "Diamo voce a chi non ce l'ha"
Triplice omicidio a Prati, le vittime uccise con 50 coltellate: i risultati dell'autopsia
Triplice omicidio a Prati, le vittime uccise con 50 coltellate: i risultati dell'autopsia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni