Ha accoltellato la sorella al torace, lesionandole un polmone ed è scappato, abbandonandola a Villanova, frazione di Guidonia Montecelio, alle porte di Roma. A finire in manette un operaio quarantatreenne, che i carabinieri della Compagnia di Tivoli e della Tenenza locale hanno fermato nella mattinata di oggi, giovedì 18 febbraio. Per ora l'uomo resta in custodia in attesa dell'ordinanza di convalida da parte del giudice del provvedimento a suo carico, che arriverà nelle prossime ore. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica sono partite dall'allarme arrivato dall'ospedale San Giovanni Evangelista, dov'è giunta la paziente gravemente ferita in ambulanza in codice rosso. Le ferite che riportava al petto non lasciavano dubbi: erano state provocate da un'arma bianca. Così i militari si sono messi sulle tracce del responsabile. A rivelarsi decisivo il racconto della donna, le cui condizioni di salute fortunatamente migliorano e da quanto si apprende non sarebbe in pericolo di vita.

La donna accoltellata a Guidonia dal fratello

Secondo la dinamica ricostruita dai carabinieri il quarantatreenne, sottoposto a fermo per indiziato di delitto, ha aggredito la sorella durante una discussione nata per motivi non noti e ancora in corso d'accertamento, nei pressi di un complesso di edilizia popolare. L'uomo l'ha accoltellata alle spalle, lesionandole gravamente un polmone. La vittima, ferita, è riuscita ad allontanarsi in auto e a raggiungere casa del suo compagno, nei pressi della quale, ancora all'interno della vettura, è stata ritrovata dai soccorritori. Scattata la chiamata al Numero Unico delle Emergenze 112, sul posto è intervenuto il personale sanitraio, che l'ha soccorsa e trasportata in ospedale, dove i medici l'hanno sottoposta ad una delicata operazione chirurgica, per salvarle la via. Ora è fuori pericolo.