Sui mezzi di trasporto si possono nuovamente occupare tutti i posti a sedere. L'indicazione, valida anche per treni, bus, tram e metro è entrata in vigore con il dpcm del 7 settembre, nel quale sono messe nero su bianco le ‘Linee guida per l'informazione agli utenti e le modalità organizzative per il contenimento della diffusione del Covid-19 in materia di trasporto pubblico'. Eliminato l'obbligo del distanziamento sociale, con una capienza delle vetture che passa all'80 per cento, se saranno garantiti efficaci sistemi di aerazione e ricambio dell'aria, mentre resta l'obbligo della mascherina a bordo. Ad annunciarlo Atac e Trenitalia, che hanno già rimosso o che rimuoveranno nei prossimi giorni, gli adesivi posti sui sedili che ne vietavano l'uso ai passeggeri. I passeggeri dunque possono tornare a sedersi gli uni accanto o di fronte agli altri, senza dover mantenere la distanza o lasciare tra loro posti liberi. Il provvedimento è arrivato a ridosso della riapertura delle scuole, che hanno accolto gli studenti oggi, lunedì 14 settembre, di nuovo sui banchi dopo il lockdown e l'esperienza della didattica a distanza. Resta l'incentivazione della mobilità sostenibile (biciclette, e-bike).

Le nuove regole del Governo sui mezzi di trasporto

Le nuovi disposizioni del Governo in materia di mezzi di trasporto si applicano a stazioni, aeroporti e porti, nell'ottica di coniugare l'esigenza del contenimento del contagio da coronavirus con lo svolgimento del servizio di trasporto pubblico, indispensabile per assicurare le attività di istruzione, di formazione, di lavoro, culturali e produttive del Paese. Tra le misure di carattere generale per il contenimento del contagio da Covid-19 restano:

-Sanificazione e l'igienizzazione dei locali, dei mezzi di trasporto e dei mezzi di lavoro;

-Dispenser contenenti soluzioni disinfettanti ad uso dei passeggeri in autostazioni, negli aeroporti, nei porti;

-Obbligo dell'uso della mascherina per la protezione del naso e della bocca;

-Vendita di biglietti con sistemi telematici;

-Separazione dei flussi dei passeggeri in entrata e in uscita.