9 Settembre 2021
12:46

“Chiudi tutto o chiamo i miei amici”: gestivano il mercato del pesce con metodi mafiosi, 3 arresti

Ancora in corso l’operazione Octopus della Polizia di Stato: già emanate tre ordinanze di custodia cautelare per tentata estorsione e atti di illecita concorrenza, aggravati dal metodo mafioso. Al centro delle indagini un imprenditore che con minacce ed estorsioni ha tentato di ottenere il monopolio dei banchi del pesce di Latina e Cisterna.
A cura di Luca Ferrero

Un imprenditore senza scrupoli si è fatto largo tra i banchi del pesce dei mercati di Latina e Cisterna con minacce ed estorsioni. Vantava amicizie influenti e "protezione mafiosa". per costringere i suoi concorrenti a scelte svantaggiose o addirittura a chiudere l'attività. All'alba è finito in manette, insieme ad altre due persone, per tentata estorsione e atti di illecita concorrenza, aggravati dal metodo mafioso.

L'operazione Octopus

È in corso in queste ore l’operazione Octopus della Polizia di Stato, che già all'alba di oggi ha portato all’esecuzione di 3 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili dei delitti di tentata estorsione ed atti di illecita concorrenza. Ai reati viene contestata l'aggravante del metodo mafioso. L'operazione è scattata all'alba di oggi tra il capoluogo pontino e Cisterna. Una delle tre ordinanze coinvolge un noto imprenditore della zona, il quale, secondo gli investigatori, ha tentato di raggiungere una posizione di supremazia economica a svantaggio degli altri concorrenti che operano nei mercati del pesce di Latina e Cisterna. Nella brama di raggiungere il monopolio della vendita, ha costretto i suoi "rivali" nel commercio del pesce a fare scelte economicamente svantaggiose. Sbandierando una presunta "protezione mafiosa", avrebbe usato sistematicamente metodi violenti, minacce e tentate estorsioni, con l'obiettivo di vessare gli altri commercianti. In seguito alle minacce, alcuni sarebbero stati costretti a chiudere l’attività e abbandonare il banco del pesce.

Le indagini svelano "un contesto di elevato spessore criminale"

Le indagini che hanno portato agli arresti e alle ordinanze di custodia cautelare sono state dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma e condotte dalle Squadre Mobili di Latina e Roma e dal Servizio Centrale Operativo. L'attività investigativa ha così svelato un vero e proprio sistema criminale che inquinava i banchi del pesce. Per gli investigatori, nei mercati del pesce delle due città, si era creato "un contesto di elevato spessore criminale finalizzato ad imporre, attraverso reiterate minacce, un regime di monopolio nella commercializzazione al dettaglio di prodotti ittici".

Edoardo Pesce e la rissa al pub: risarcisce di 25mila euro il titolare e il processo si chiude
Edoardo Pesce e la rissa al pub: risarcisce di 25mila euro il titolare e il processo si chiude
Contattavano clienti della banca fingendosi dipendenti, ma gli rubavano i risparmi: 3 arresti
Contattavano clienti della banca fingendosi dipendenti, ma gli rubavano i risparmi: 3 arresti
Chiede soldi a un conoscente, di fronte al rifiuto lo accoltella riducendolo in fin di vita
Chiede soldi a un conoscente, di fronte al rifiuto lo accoltella riducendolo in fin di vita
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni