24 Novembre 2022
19:52

Arrestato Gaetano Vitagliano che riciclava soldi nei bar romani: si nascondeva in un attico a Dubai

Riciclava soldi in ristoranti e bar romani, come gli storici “Mizzica!” in via Catanzaro e in piazza Acilia. Sbarcato a Fiumicino, è stato trasferito in carcere.
A cura di Beatrice Tominic
Ci sono anche gli storici bar ‘Mizzica!’ di via Catanzaro e di piazza Acilia fra quelli in cui Vitagliano riciclava i soldi.
Ci sono anche gli storici bar ‘Mizzica!’ di via Catanzaro e di piazza Acilia fra quelli in cui Vitagliano riciclava i soldi.

Riciclava soldi sporchi provenienti dalla vendita di droga nei bar e ristoranti della capitale, fra cui gli storici "Mizzica!" in via Catanzaro e in piazza Acilia, il 48enne Gaetano Vitagliano, superlatitante preso a Dubai ritenuto essere il cassiere del cartello scissionista del clan Amato Pagano. Estradato in Italia, dopo che si era rifugiato negli Emirati Arabi Uniti per sfuggire ad un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale di Roma a seguito della condanna a quattro anni e 10 mesi mesi per riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori, come ricorda il Mattino, è arrivato due giorni fa all'aeroporto di Roma Fiumicino. Non appena sbarcato, è stato trasferito in carcere: l'indagine è stata svolta dalla Squadra Mobile di Napoli, che lo teneva sotto controllo negli Emirati.

Il superlatitante Vitagliano si era rifugiato da un anno in un lussuoso superattico in un quartiere residenziale della città, Dubai Marina. Non è il primo nome legato agli scissionisti preso negli Emirati Arabi: prima di lui sono stati trovati in quei territori anche arrestati Bruno Carbone, Raffaele Mauriello e Raffaele Imperiale.

La maxi inchieste

Quello di Gaetano Vitagliano è uno dei nomi che compare nell'operazione Babylonia, conclusa nel giugno del 2017, con l'emissione di un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata per l'estorsione, usura, riciclaggio, impiego di denaro di provenienza illecita. A seguito dell'operazione, sono stati confiscati beni dal valore di 300 milioni di euro.

Fra le persone coinvolte, come anticipato, anche Vitagliano: a lui sono stati confiscati quattro locali romani, fra cui gli storici bar "Mizzica!" (foto in apertura). Nel 2018 è stato arrestato insieme ad altre 21 persone durante un'inchiesta che ha portato al sequestro di immobili, società e conti corrente per un totale di 280 milioni di euro.

Non si ferma all'alt dei carabinieri e si schianta contro un muro: arrestato 21enne
Non si ferma all'alt dei carabinieri e si schianta contro un muro: arrestato 21enne
Covid Lazio, bollettino del 7 gennaio: 580 nuovi casi e 7 morti, 296 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino del 7 gennaio: 580 nuovi casi e 7 morti, 296 contagi a Roma
Bimbo di 10 anni investito da un'auto dopo essere sceso dallo scuolabus: è grave
Bimbo di 10 anni investito da un'auto dopo essere sceso dallo scuolabus: è grave
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni