416 CONDIVISIONI
11 Novembre 2021
15:44

Addio a un pezzo della storia gastronomica di Roma: il bar Antonini riapre, ma cambia nome

Chiude, o meglio cambia nome, il celebre Antonini, lo storico bar di via Sabotino, a pochi passi da piazza Mazzini a Roma. Da pochi giorni ha riaperto con il nome ‘Sabotino’.
A cura di Enrico Tata
416 CONDIVISIONI
Le tartine di Antonini – Foto Facebook Antonini
Le tartine di Antonini – Foto Facebook Antonini

Dopo la gastronomia Franchi e il bar Settembrini, Roma dice addio, almeno formalmente, ad un altro pezzo della storia gastronomica del quartiere Della Vittoria, uno dei ‘salotti' più glamour della città: chiude, o meglio cambia nome, il celebre Antonini, lo storico bar via Sabotino, a pochi passi da piazza Mazzini. Dagli anni '60 Antonini è sinonimo di colazioni e aperitivi con le sue famosissime tartine salate e i suoi dolci storici, come la ‘cannonata', pan di Spagna, cioccolato fondente, liquore e zabaione, una specialità dal 1965.

La cannonata di Antonini
La cannonata di Antonini

Inaugurato nel 1927 come latteria, è diventato un bar famoso in tutta Roma negli anni '60, quelli del boom economico: dalle tartine maionese e gamberi alle tartine all'aragosta, dalle tartine ai funghi alle tartine al tartufo, mezza città si è seduta agli eleganti tavolini di via Sabotino. Il locale non potrà mai festeggiare il suo centenario. Non ha chiuso per sempre, ma ha cambiato nome: non si chiamerà più Antonini, ma Sabotino, come il nome della via.

Foto Facebook
Foto Facebook

Il bar è rimasto chiuso da Ferragosto per "lavori", almeno così si leggeva sui social, ed ha riaperto misteriosamente qualche giorno fa, all'inizio di novembre. Nessun pubblicità e una sorpresa per i clienti: il cambio di nome, che non è stato annunciato da nessuna parte. Né sulle pagine social, che continuano a chiamarsi ‘Antonini', né sul sito internet. I clienti che ci sono stati sostengono che "alcuni soci siano cambiati", ma il pasticcere, il cuoco, il barman "dovrebbero essere gli stessi di prima". Anche le famose tartine e i dolci sembrano esattamente gli stessi di sempre. Rimane il mistero sul misterioso cambio di nome, che mette formalmente la parola fine a uno dei marchi gastronomici più antichi e di successo della Capitale. Sabotino raccoglierà il successo di Antonini e continuerà ad essere il punto di riferimento del salotto di piazza Mazzini? Vedremo.

416 CONDIVISIONI
Addio ad Adriano Pallotta, l'infermiere ribelle del manicomio di Roma
Addio ad Adriano Pallotta, l'infermiere ribelle del manicomio di Roma
Bartolucci chiude la bottega di Pinocchio a Roma:
Bartolucci chiude la bottega di Pinocchio a Roma: "Speriamo in una magia della fata Turchina"
511.182 di Lorenzo Sassi
Alla Sfattoria i maiali e i cinghiali vivono liberi e amati: le immagini del rifugio di Roma
Alla Sfattoria i maiali e i cinghiali vivono liberi e amati: le immagini del rifugio di Roma
30.953 di andreacentini
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni