539 CONDIVISIONI
23 Gennaio 2023
19:40

A Bagnaia il rifugio per cani è invaso dalla neve, l’allarme dei volontari: “Rischiano di congelare”

Rischiano il congelamento i cani che vivono nel rifugio di Bagnaia: la neve è tantissima e le loro condizioni rischiano di peggiorare.
A cura di Beatrice Tominic
539 CONDIVISIONI
A sinistra, cerchiato in rosso, uno dei cani ospiti del rifugio che scodinzola non appena si avvicinano i volontari. A destra il gruppo di persone che cammina, lasciandosi le strutture a sinistra.
A sinistra, cerchiato in rosso, uno dei cani ospiti del rifugio che scodinzola non appena si avvicinano i volontari. A destra il gruppo di persone che cammina, lasciandosi le strutture a sinistra.

Continua l'ondata di freddo che sta imbiancando molti dei territori della regione Lazio, anche a bassa quota e nei luoghi più inaspettati: è il caso, ad esempio, dell'isola di Ponza che si è svegliata sotto alla neve questa mattina. Negli ultimi giorni le precipitazioni sono arrivate intense anche nel viterbese, dove sono molte le zone che appaiono totalmente imbiancate e coperte dal manto candido.

La neve è scesa dalle prime ore della mattina, in tutta la zona nord della Tuscia, da quelle più a nord, come Acquapendente, ad appena una decina di chilometri dal confine con la Toscana a Valentano, quasi sulle rive del lago di Bolsena fino ad arrivare ai dintorni di Viterbo. Qui, a Bagnaia, la neve è scesa così copiosa da far allarmare i volontari del canile del comune: "Duencento cani rischiano di congelare".

L'allarme dei volontari

È stato lanciato questa mattina, lunedì 23 gennaio, dai volontari che sono tornati nella struttura che ospita circa due centinaia di animali. Questa la preoccupazione dei volontari preoccupati per la sorte degli animali ospiti del canile di Bagnaia che, dopo le precipitazioni della notte, appare totalmente coperto e invaso dalla neve.

"I cani non si vedono più", dice uno dei volontari ad un altro, mentre stanno riprendendo la loro passeggiata fra le strutture che ospitano gli animali. Negli spazi della recinzione, infatti, si è annidato un fitto strato di neve che non permette di vedere oltre. "Vedi la rete, qua non si vede più? Dicono di usare le coperte. E dove le metti le coperte? – continua – Ma cosa dobbiamo fare noi? Roba da matti: questo è il canile di Bagnaia, guardate qua".

Con le temperature sempre più rigide e le perturbazioni nevose che continuano a colpire la zona i cagnolini si trovano in condizioni gravi: secondo uno dei volontari presenti al momento del sopralluogo del rifugio, ripreso durante il video, a ben poco servono le coperte che sono state richieste nei giorni scorsi per cercare di aiutare gli animali.

La segnalazione è stata raccolta dal gruppo di Fratelli d'Italia di Viterbo: "Il canile si trova in condizioni gravissime a causa della neve, chiediamo che l'amministrazione provveda con ogni mezzo possibile a trovare una soluzione".

539 CONDIVISIONI
Allarme bocconi avvelenati in montagna, è strage di cani:
Allarme bocconi avvelenati in montagna, è strage di cani: "Messi da tartufai che si fanno la guerra"
I suoi zoccoli erano così lunghi che non riusciva a camminare: il pony Gump è tornato a galoppare
I suoi zoccoli erano così lunghi che non riusciva a camminare: il pony Gump è tornato a galoppare
145 di Chiara Prato
Tor Bella Monaca, chiuso il bar dove il clan Moccia ha sparato a tre pusher per lo spaccio di coca
Tor Bella Monaca, chiuso il bar dove il clan Moccia ha sparato a tre pusher per lo spaccio di coca
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni