È polemica su Raffaele Sollecito, l'uomo prima condannato e poi definitivamente assolto insieme ad Amanda Knox per l'omicidio della studentessa inglese Meredith Kerchner, dopo che un articolo del Fatto Quotidiano a firma di Selvaggia Lucarelli ha portato alla luce alcuni abitudini e comportamenti singolari dell'uomo su Facebook. Sollecito infatti è stato "scoperto" a partecipare attivamente a numerosi gruppi chiusi del noto social network in cui tra le altre cose si dà libero sfogo a battute su omicidi e barzellette sui serial killer a volte con macabro gusto. Dopo le accuse però Sollecito ha replicato alle insinuazioni assicurando che si tratta solo di goliardia

Come racconta il quotidiana, Sollecito postava, tra gli altri, nei gruppi "Pastorizia never dies" e "#acazzoduro" sia con proprie barzellette da black humor sia rispondendo ad altri che si riferivano a lui e alla nota vicenda di Perugia. Ad esempio ad un tale Denis che gli scriveva “Maestro mi insegni come si cancellano le tracce di un delitto che ho due cose da risolvere?”, Sollecito ha risposto: “Semplice. Ci caghi sopra e nessuno si avvicina!”.  Ad un'altra utente Giulia, che gli chiede di non essere crudele quando la ammazzerà, Raffaele risponde: "Non ti preoccupare, sarò gentile e indolore". C'è anche spazio per le barzellette come quella nel post in cui sollecito scrive: “Entro in un negozio di pentole. Chiedo: Avete un set in rame? Il commesso mi guarda, ci pensa e fa: Per i set di coltelli dovresti rivolgerti al negozio a fianco!".

Diversi dunque  i commenti  alla triste vicenda di Amanda anche quasi mai in maniera diretta. "Quelli che lei ha citato sono solo dei gruppi goliardici che fanno ironia su fatti e avvenimenti di vita quotidiana semplicemente per sdrammatizzare un po’ avvenimenti vari, personali e non. Non c’è niente di serio in quei gruppi, sono tutte cose piuttosto comiche, sono gruppi chiusi, si tratta di chiacchierate tra amici dove ci si raccontano stupidaggini di ogni genere. Le cose non sono assolutamente come le descrive Selvaggia Lucarelli” ha replicato Sollecito, aggiungendo: "all'utente ho risposto che ci si caga sopra, ma era un modo di dire, perché se veramente ci caghi sopra lasci più tracce. La mia era una risposta stupida a una domanda stupida, è semplicemente quello il gioco di questi gruppi”.  "Io scherzo su me, non scherzo sugli altri. Meredith nei commenti che ho fatto non la cito nemmeno e non la metto mai in mezzo, non mi sembrerebbe nemmeno carino farlo. Anche nello scherzo ho i miei limiti. Tra questi gruppi e il femminicidio non c’è nessun legame, chi lo dice dice una stupidaggine, questi gruppi sono pieni di donne che commentano, questa è satira, goliardia, non c’è nient’altro. Tutto il resto sono stupidaggini" ha concluso Sollecito.