101 CONDIVISIONI
Opinioni
Elezioni politiche 2018
24 Marzo 2018
16:28

Verso il nuovo governo: a breve via alle consultazioni al Quirinale

Il prossimo 3 aprile, presumibilmente, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, darà il via alle consultazioni e ascolterà i vari gruppi parlamentari che lo guideranno nella scelta per il conferimento dell’incarico di governo. Ecco tutte le tappe.
A cura di Charlotte Matteini
101 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche 2018

Con l'elezione dei presidenti di Camera e Senato, entra nel vivo la XVIII legislatura. Nella mattinata di oggi, sabato 24 marzo, Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati sono stati eletti rispettivamente presidenti di Montecitorio e Palazzo Madama e ora i parlamentari della nuova legislatura dovranno decidere entro due giorni a quale gruppo vorranno appartenere. Per il 27 marzo sono convocati i gruppi parlamentari per l'elezione dei rispettivi presidenti e di altre figure istituzionali necessarie al funzionamento di Camera e Senato (uffici di presidenza di Camera e Senato, elezione di Vicepresidenti, Questori e Segretari). Ciascun gruppo designerà inoltre i propri rappresentanti nelle singole Commissioni permanenti. Da fine marzo, o molto più probabilmente da inizio aprile (subito dopo Pasquetta) si aprirà ufficialmente la fase delle consultazioni al Quirinale. Il presidente Sergio Mattarella ascolterà i rappresentanti di ogni forza parlamentare, i nuovi presidenti delle Camere e l'ex presidente emerito Giorgio Napolitano e, dopo aver sondato l'esistenza di un'ipotetica maggioranza di governo, assegnerà l'incarico alla figura designata. Stando a indiscrezioni diffuse finora, il presidente Mattarella avrà un calendario molto rallentato e dovrebbe sentire un solo gruppo parlamentare per ogni giornata.

L'incarico, in assenza di una solida maggioranza di governo, potrà essere anche di tipo esplorativo, ovvero una sorta di esecutivo di prova che dovrà cercare di ottenere, come da prassi, la fiducia in entrambi i rami del parlamento. Nel corso di queste settimane di trattativa, il presidente Paolo Gentiloni continuerà a occuparsi degli Affari correnti. Una volta incassato il voto di fiducia, il nuovo esecutivo diverrà pienamente operativo e potrà iniziare a governare. Se invece l'incaricato rinuncerà, per mancanza di appoggi, si avrà un nuovo giro di consultazioni e un nuovo incarico.

E se nessuno dovesse avere numeri sufficienti per ottenere la fiducia delle Camere? In questo caso, una delle teoriche opzioni sul piatto sarebbe il ritorno alle urne. Come spiega il Sole 24 Ore, "se il presidente della Repubblica farà più tentativi, nelle forme previste di mandato esplorativo pre-incarico o incarico, si arriverà a maggio. Con i 55-60 giorni minimi di prassi previsti una volta deciso lo scioglimento, un eventuale nuovo voto cadrebbe tra la fine di giugno e luglio. Ma è improbabile pensare di riportare gli italiani alle urne in tempo di vacanze, con le scuole chiuse. Dunque si scavallerebbe l’estate, ma poi in autunno ci sarebbe il dilemma della legge di bilancio". Dunque, l'ipotesi di un ritorno al voto in tempi brevi si scontrerebbe con le esigenze istituzionali e Mattarella potrebbe propendere per una soluzione differente.

101 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
597 contenuti su questa storia
Il meschino classismo di chi deride i parlamentari senza titoli di studio
Il meschino classismo di chi deride i parlamentari senza titoli di studio
Verso il governo, mercoledì 4 aprile via alle consultazioni al Quirinale: ecco il calendario
Verso il governo, mercoledì 4 aprile via alle consultazioni al Quirinale: ecco il calendario
Reddito di cittadinanza, Lega ritwitta Pd: "M5S senza vergogna". Bonafede: "Notizia errata"
Reddito di cittadinanza, Lega ritwitta Pd: "M5S senza vergogna". Bonafede: "Notizia errata"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni