555 CONDIVISIONI
Reddito di cittadinanza 2022, le ultime novità
11 Novembre 2021
19:21

Tridico difende il reddito di cittadinanza: “Sono le politiche attive del lavoro che non funzionano”

Il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, difende il reddito di cittadinanza e invita a investire sulle politiche attive del lavoro, che non funzionano.
A cura di Tommaso Coluzzi
555 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Reddito di cittadinanza 2022, le ultime novità

Il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, difende il reddito di cittadinanza e rilancia: il problema delle politiche attive del lavoro va slegato dallo strumento di sostegno al reddito. In primis il numero uno dell'ente previdenziale ci tiene a specificare che i recenti casi di cronaca, che hanno visto protagonisti percettori della misura di contrasto alla povertà che poveri non erano affatto, non sono responsabilità dell'Inps: "La legge dà potere di controllo della residenza ai Comuni, mentre di eventuali condannati la responsabilità è del ministero della Giustizia", spiega Tridico. L'Inps "fa controlli sulle banche dati che abbiamo a disposizione".

Ma il punto, alla fine, è sempre lo stesso: il reddito di cittadinanza divide la popolazione. C'è chi pensa che sia un ostacolo alla ricerca di un lavoro: "C'è molta strumentalizzazione sull'intera faccenda – continua Tridico – Degli oltre tre milioni di percettori del reddito i due terzi sono minori, disabili, anziani, persone in gravi difficoltà familiari, con violenze nelle mura domestiche o difficoltà psicofisiche". Un terzo invece "è occupabile, ma è un'occupabilità molto scarsa, perché il tasso di scolarizzazione è molto basso – continua il presidente dell'Inps – La maggior parte non ha la terza media". Certo è vero che "all'interno di questa prestazione ci sono truffe" ma sono "diverse le prestazioni attaccate da furbetti di vario tipo". E su questo "dobbiamo migliorare".

Le norme introdotte in legge di Bilancio "sono rafforzative dei controlli, la gran parte passa all'Inps, come sulla residenza, si parla di controlli preventivi – spiega ancora Tridico – Il compromesso finale parla di un beneficio che decade dopo il secondo rifiuto e dopo il primo comincia un decalage, questo mi sembra giusto". Il reddito di cittadinanza "è un reddito minimo, non è uno strumento di disoccupazione, per quello abbiamo la Naspi – continua – Abbiamo un milione e mezzo di percettori di Naspi, che sono i primi lavoratori occupabili, pronti al rientro nel mercato del lavoro". Le politiche attive "dobbiamo misurarle sulla Naspi e vediamo che anche su quella incidono molto poco".

Ma allora, si chiede Tridico, "il problema è il reddito di cittadinanza o le politiche attive che non funzionano?". Secondo il presidente dell'Inps "il primo grande investimento dovrebbe concentrarsi sulle politiche attive, ma a prescindere dal reddito di cittadinanza". Nell'anno della pandemia di Covid "le politiche attive hanno fatto poco, perché come Paese dovevamo stabilizzare i livelli occupazionali già esistenti, non si sono creati posti di lavoro", ma ora "bisogna spingere sugli investimenti, e il Pnrr è un'occasione per farlo".

555 CONDIVISIONI
Reddito di Cittadinanza, stop di De Luca:
Reddito di Cittadinanza, stop di De Luca: "Contributi solo a chi vuole lavorare e fare formazione"
Erano in carcere ma percepivano il Reddito di Cittadinanza: truffa da 500mila euro
Erano in carcere ma percepivano il Reddito di Cittadinanza: truffa da 500mila euro
A Lettere, nel Napoletano, chi percepisce il Reddito di cittadinanza aiuterà a tenere pulite le zone simbolo del paese
A Lettere, nel Napoletano, chi percepisce il Reddito di cittadinanza aiuterà a tenere pulite le zone simbolo del paese
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni