34 CONDIVISIONI
Superbonus 110, le ultime notizie

Superbonus 90%, chi ha diritto alla misura e quali sono i requisiti le scadenze da rispettare

Il superbonus 110% è rivolto solo a chi ha una villetta unifamiliare e ha rispettato una certa cadenza nei lavori, che dovevano essere completati al 30% lo scorso 30 settembre. Per le villette che hanno iniziato i lavori nel 2023, però, c’è un’altra possibilità: il superbonus 90%. Ecco quali sono i requisiti e le scadenze.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Luca Pons
34 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Superbonus 110, le ultime notizie

Chi vuole ancora approfittare del superbonus 110%, anche se con il rimborso ridotto al 90%, ha tempo fino al 31 dicembre 2023: quella è la data ultima per completare i lavori e, se non è ancora stato fatto, fissare la residenza nell'immobile dove sono stati fatti i lavori. Recentemente, con il decreto Omnibus, il governo Meloni ha prorogato i termini del superbonus 110%: chi ha dei lavori avviati su edifici unifamiliari e unità immobiliari indipendenti e autonome (ad esempio le villette a schiera) potrà andare avanti fino al 31 dicembre e ricevere comunque il 110% dei rimborsi, se alla data del 30 settembre 2022 i lavori erano già completati almeno per il 30%. Per tutti gli altri, invece, la percentuale dell'agevolazione è scesa al 90%, ma la data resta la stessa.

Superbonus 90%, quali sono i requisiti di residenza e di reddito

Ci sono requisiti specifici da rispettare. Ad esempio, chi vuole usufruire del superbonus 90% deve essere essere proprietario dell'immobile in cui si fanno i lavori (o comunque avere il diritto reale di godimento), e quell'edificio deve essere la sua abitazione principale. Ovvero, a quell'indirizzo ci deve essere la sua residenza fiscale e la sua dimora abituale. L'Agenzia delle Entrate ha chiarito anche una situazione-limite: cosa fare se sto facendo dei lavori, ma su un immobile che è stato demolito ed è in fase di ricostruzione, quindi ovviamente non posso ancora avere lì la residenza? In quel caso, si può comunque ricevere il superbonus 90%: l'importante è che la residenza sia ufficialmente lì alla data del 31 dicembre 2023.

C'è poi un requisito legato al reddito. I beneficiari devono avere un reddito entro i 15mila euro, se si tratta di una persona sola. Altrimenti il limite è a 30mila euro per una coppia, a 37.500 euro per una coppia con un figlio, 45mila euro per una coppia con due figli e 60mila euro per una coppia con tre o più figli. Per una persona single che ha un figlio a carico, la soglia è fissata a 22.500 euro.

Chi ha diritto a sconto in fattura e cessione del credito

Infine, un requisito riguarda i lavori in sé: devono essere partiti nel 2023. Se la comunicazione di inizio lavori (Cilas) risale al 2022, è necessario dimostrare che comunque i lavori sono iniziati quest'anno. Lo si può fare, ad esempio, tramite le ricevute delle fatture.

Va anche tenuto a mente anche che lo sconto in fattura e la cessione del credito spettano solo a chi ha iniziato i lavori (con Cilas) entro il 17 febbraio 2023. Chi può beneficiare appieno del superbonus 90%, quindi, è chi ha dato il via alle opere tra il 1 gennaio e 17 febbraio di quest'anno.

Le scadenze del Superbonus per i condomini e gli edifici in zone terremotate

Quanto detto finora vale per le abitazioni unifamiliari, come le villette. Al superbonus, però, hanno diritto anche altri tipi di abitazioni, come ad esempio i condomini. Le scadenze in questo caso sono diverse.

Per i condomini, può accedere al superbonus 110% chi ha inviato la Cilas prima del 31 dicembre 2022 (e la delibera dell'assemblea di condominio ancora prima, entro il 25 novembre). Ci sarà tempo per completare i lavori fino al 31 dicembre. Invece, chi ha inviato la Cilas nel 2023 può usufruire del superbonus al 90%, ma anche in questo caso se la comunicazione è arrivata dopo il 17 febbraio non si può accedere allo sconto in fattura e alla cessione del credito. Dall'anno prossimo l'aliquota lo sconto fiscale passerà al 70%, poi al 65% nel 2025, come previsto inizialmente dalla norma.

Le stesse regole valgono anche per categorie più specifiche: ad esempio le case plurifamiliari che hanno fino a quattro unità residenziali, che però devono aver inviato la Cilas prima del 25 novembre 2022 per accedere al 110%. E anche per gli edifici demoliti e poi ricostruiti, ma la richiesta di autorizzazione edilizia deve essere stata fatta entro il 31 dicembre 2022.

Per gli edifici Iacp (case popolari) il superbonus 110% resta valido fino al 31 dicembre 2023, ma i lavori devono essere avanzati: il completamento deve essere al 60% alla data del 30 giugno 2023. Infine, ci sono regole speciali per chi vive in aree colpite da terremoti dal 2009 in poi: l'agevolazione resterà al 110% per tutti gli edifici, fino al 31 dicembre 2025. Per le zone alluvionate invece la scadenza è comunque fissata al 31 dicembre di quest'anno.

34 CONDIVISIONI
119 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views