video suggerito
video suggerito
Superbonus 110, le ultime notizie

Superbonus 110% per le villette fino al 31 dicembre 2023, le notizie sulla proroga in Emilia Romagna

Le scadenze per il superbonus 110% nelle zone dell’Emilia Romagna colpite dalle alluvioni saranno prorogate: i lavori sulle villette potranno andare avanti fino al 31 dicembre, anche con cessione del credito o sconto in fattura. Ecco come funziona la misura e chi può beneficiare della proroga.
A cura di Luca Pons
11 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Nel suo primo decreto per intervenire sui danni causati dalle alluvioni in Emilia Romagna, il governo ha inserito anche una proroga al 31 dicembre 2023 del superbonus 110% per le villette unifamiliari. Si tratta di un intervento non confermato in via ufficiale, dato che non è stato ancora pubblicato un testo definitivo del decreto, ma il governo lo ha inserito tra le misure comunicate alla stampa.

Come funziona il superbonus 110% con la nuova proroga per le villette

La proroga al 31 dicembre 2023, inserita nel decreto, riguarda la scadenza per la fine degli lavori su villette unifamiliari e unità indipendenti legati al superbonus 110%. Nei fatti, si tratta di un prolungamento di tre mesi, dato che le norme più recenti hanno fissato la scadenza ultima per completare gli interventi al 30 settembre 2023.

Solo chi chiude il cantiere entro quella data, quindi, potrà usufruire della detrazione fiscale valida per il 110% delle spese effettuate. In caso contrario, si rientrerà nei nuovi paletti del superbonus: la detrazione sarà valida solo per il 90% dei costi, e soprattutto potranno accedere solo le famiglie con un reddito entro i 15mila euro.

Le scadenze – il 31 dicembre nelle zone colpite dalle alluvioni, il 30 settembre nel resto d'Italia – si applicano comunque solo a chi aveva già completato almeno il 30% dei lavori entro il 30 settembre 2022. Chi rientra in questi criteri, e rispetta le tempistiche, potrà vedere il 110% della somma pagata restituito con le solite modalità: o con uno sconto in fattura, o con detrazioni fiscale che possono essere anche dilazionate nell'arco di dieci anni, oppure tramite la cessione dei crediti (a una banca, un'assicurazione o un altro intermediario) entro il 30 novembre 2023.

I beneficiari della proroga al 31 dicembre 2023

Secondo i dati presentati da Enea, agenzia nazionale che monitora il superbonus 110%, al 30 aprile 2023 in Emilia Romagna gli edifici coinvolti dal bonus edilizio erano 35.443. In particolare, si parla di 18mila villette unifamiliari, di cui quasi 1800 con cantieri ancora aperti, e di 1.600 unità abitative funzionalmente indipendenti, di cui 750 circa in cui i lavori non sono ancora terminati.

Nel complesso, nella Regione ci sono quindi circa 2500 cantieri aperti per questi tipi di abitazioni. Ma questi sono i dati relativi a tutto il territorio dell'Emilia Romagna, quindi il numero è certamente più basso se si guarda solo alle zone colpite dalle alluvioni.

Secondo quanto comunicato dal governo, a poter beneficiare dell'estensione della scadenza saranno solamente i residenti nei Comuni che verranno indicati dal testo definitivo del decreto. L'esecutivo ha già comunicato l'elenco completo dei Comuni considerati in stato di emergenza: non ha ufficializzato che si tratta delle stesse zone che potranno usufruire della proroga – e di tutte le altre misure contenute nel decreto – ma in attesa di ulteriori conferme è un dato indicativo sui Comuni in cui la necessità di interventi è più alta.

11 CONDIVISIONI
141 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views