Il partito di Gianluigi Paragone è la vera sorpresa degli ultimi sondaggi. A poche settimane dall'annuncio ufficiale del suo nuovo partito, Italexit, l'istituto Piepoli lo sonda al 4 per cento. Il partito dell'ex pentastellato ha praticamente raddoppiato i voti nell'ultimo mese.

Secondo una rilevazione condotta da Termometro politico, relativa alle giornate dell'8 e 9 luglio, il partito aveva fatto registrare un vero e proprio boom: in soli sette giorni era passato dallo 0,7 per cento al 2 per cento. Contro ogni aspettativa secondo quel sondaggio Italexit era il partito che più aveva guadagnato voti in una settimana. Ora il suo successo è ancora più evidente, soprattutto se paragonato al ritmo di crescita di Italia Viva, la creatura politica di Matteo Renzi, che invece arranca nell'ultimo periodo. Secondo le ultime stime, quelle del 4 agosto, la Lega si piazza sempre al primo posto tra i partiti, con il 24 per cento: ma va giù, con un calo del -0,5. Al secondo posto, sempre secondo l'istituto Piepoli, troviamo il Partito democratico che, rispetto alla settimana precedente, non fa registrare alcuna variazione: il partito guidato da Nicola Zingaretti non va oltre il 21 per cento.

Sostanzialmente immutato il Movimento 5 Stelle, che rimane stabile al 18 per cento. Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni lo tallona: con un +0,5  raggiunge il 16 per cento. Stabili anche Forza Italia con il suo 6 per cento e Italia Viva, che non brilla e resta sotto la soglia del 3 per cento: deve accontentarsi del 2,5 per cento dei consensi. Esattamente la stessa quota che otterrebbe Azione, il partito di Carlo Calenda, se si andasse a votare oggi.