È ancora il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il leader politico che gode di maggiore fiducia da parte degli italiani. Il sondaggio realizzato da Tecnè per l’agenzia Dire, dal titolo Monitor Italia, prende in considerazione il gradimento di alcuni esponenti del governo e dei maggiori leader di maggioranza e opposizione. Per quanto riguarda l’esecutivo, cresce leggermente la fiducia degli italiani: +0,6%, ma un dato che resta solamente al 32%. Non ha fiducia, invece, il 62,9% degli italiani, un dato in calo dello 0,8%. Non ha un’opinione precisa il 5,1% degli intervistati.

Sondaggi, la fiducia nei leader

Il leader che gode del maggior gradimento è Conte, con un dato al 38,2%, in aumento dello 0,8%. A seguirlo c’è la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, al 37,3%. In crescita il ministro della Salute, Roberto Speranza, al 34,8%. In calo, invece, il leader leghista Matteo Salvini (31,3%). Andando avanti troviamo il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri (26,7%), la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese (26,6%), il segretario del Pd, Nicola Zingaretti (24,2%), e il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, al 22,5% e in crescita dello 0,6%.

Più indietro il leader di Azione, Carlo Calenda, al 19%, e il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, al 18,8%. Chiudono la graduatoria Matteo Renzi al 14,1% e Vito Crimi al 9,7%. Nel sondaggio si chiede anche se il governo dovrebbe cambiare alcuni ministri per rafforzare la sua azione: il 57,4% degli intervistati ritiene che si dovrebbe procedere con il rimpasto, mentre tra gli elettori della maggioranza questo dato scende al 41,9%. Contrario al rimpasto il 15,4% degli intervistati, con un dato al 52,8% per gli elettori della maggioranza.

Le intenzioni di voto nei sondaggi

Per quanto riguarda le intenzioni di voto, in testa rimane la Lega con il 23% dei consensi, nonostante un calo dello 0,2% nell’ultima settimana. Insegue il Pd, al 20,8%, in crescita dello 0,2%: i dem sono sempre più vicini al Carroccio. In calo c’è Fratelli d’Italia, ora al 16,9%, mentre il Movimento 5 Stelle guadagna lo 0,2% e si attesta al 14,6%. Il partito che cresce di più in questa settimana è Forza Italia, ora all’8,2% e in aumento dello 0,3%. La Sinistra è al 3,4%, leggermente avanti rispetto ad Azione (3,3%) e Italia Viva (3,2%). Più indietro +Europa all’1,9% e i Verdi all’1,5%.