599 CONDIVISIONI
21 Giugno 2020
11:27

Sondaggi elettorali, il partito di Conte vale l’11%: avrebbe più voti del M5s

L’ultimo sondaggio realizzato dall’istituto Tecnè per Quarta Repubblica esamina il potenziale di un partito del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. L’ipotesi è che raggiunga l’11,2% dei consensi, scavalcando anche il Movimento 5 Stelle e avvicinandosi a Pd e Fdi. Inoltre l’attuale maggioranza guadagnerebbe consensi rispetto ad ora.
A cura di Stefano Rizzuti
599 CONDIVISIONI

Il partito di Conte potrebbe valere più dell’11% dei voti e farebbe aumentare anche i consensi dell’attuale maggioranza. È questo il quadro emerso dal sondaggio effettuato dall’istituto Tecnè per Quarta Repubblica, trasmissione di Rete 4. La rilevazione parte dalle intenzioni di voto con la situazione attuale: la Lega rimane il primo partito al 25,8%, seguito dal Pd al 19,7%. Più distanti tutti gli altri partiti, con Fratelli d’Italia al 15,6% e davanti al Movimento 5 Stelle, ora al 14,9%. Forza Italia raggiungerebbe l’8,4%, mentre Azione scavalcherebbe tutti gli altri partiti più piccoli raggiungendo il 3%. Al 2,8% troviamo Italia Viva di Matteo Renzi, al 2,7% La Sinistra e all’1,7% sia +Europa che i Verdi. Il tasso di incerti e astenuti sarebbe al 42,8%. Questo, quindi, è lo scenario attuale, senza considerare la potenziale nascita del partito di Conte: la maggioranza sarebbe al 40,1%, le opposizioni di centrodestra al 49,8%.

Sondaggi, cosa succederebbe con il partito di Conte

La Lega rimarrebbe il primo partito anche se nascesse un partito di Conte, ma perdendo qualche consenso e fermandosi al 25,5%. Aumenterebbe, però, il distacco dal Pd, che non andrebbe oltre il 15,6%, tallonato da vicinissimo da Fratelli d’Italia al 15,5%. Poi ci sarebbe proprio il partito di Conte, all’11,2%. Sarebbe davanti anche al Movimento 5 Stelle, che si attesterebbe al 9,6%. Forza Italia sarebbe all’8,2%, mentre cambiarebbe poco più dietro, con Azione al 2,9%, Italia Viva al 2,7%, La Sinistra al 2,4%, +Europa all’1,7% e i Verdi all’1,5%. Sarebbe leggermente in calo il tasso di incerti e astenuti, al 42,1%. Cambierebbe, così, solo parzialmente l’equilibrio tra maggioranza (in crescita al 41,5%) e opposizione (in calo al 49,2%).

Da dove vengono i voti al partito di Conte

Tecnè analizza anche l’origine dei consensi potenziali del partito di Conte. Si tratterebbe dell’11,2% dei voti, ovvero 3,1 milioni. Di questi, 1,4 milioni verrebbero dal Movimento 5 Stelle, 1,1 milioni dal Pd mentre altri 300mila da altri partiti e altrettanti da incerti e astenuti. Infine, lo stesso sondaggio chiede agli elettori un parere sugli Stati generali dell’economia: sono ritenuti utili dal 21% degli intervistati, poco utili dal 24% e inutili dal 41% del campione. Non si esprime il restante 14%.

599 CONDIVISIONI
Sondaggi politici, aumenta la distanza tra M5s e Pd: il partito di Conte fa un balzo in avanti
Sondaggi politici, aumenta la distanza tra M5s e Pd: il partito di Conte fa un balzo in avanti
Sondaggi politici, Pd scende ancora, il M5s sta per diventare il primo partito d'opposizione
Sondaggi politici, Pd scende ancora, il M5s sta per diventare il primo partito d'opposizione
Sondaggi politici, Meloni quasi al 30% ma gli alleati faticano: il Pd non è più il secondo partito
Sondaggi politici, Meloni quasi al 30% ma gli alleati faticano: il Pd non è più il secondo partito
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni