Speciale Europa
11 Novembre 2021
20:32

Salario minimo, arriva il primo via libera alla proposta di direttiva al Parlamento Ue

Al Parlamento europeo è arrivato il primo via libera in commissione alla proposta di direttiva sul salario minimo, mentre in Italia la discussione è ancora chiusa.
A cura di Tommaso Coluzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Speciale Europa

Il Parlamento europeo lavora al salario minimo, mentre in Italia non c'è ancora una vera discussione aperta sul tema. Il primo via libera alla proposta di una direttiva europea arriva dalla commissione Occupazione e Affari Sociali, con una serie di indicazioni chiare sulla soglia minima sotto la quale non possono scendere gli stipendi per i cittadini europei. Il passaggio per essere votata in plenaria potrebbe arrivare già a novembre, spiegano fonti parlamentari europee. Nella proposta di direttiva sui salari minimi adeguati ed equi questi hanno funzione in primis di prevenzione e riduzione delle disuguaglianze, di contrasto a concorrenza sleale e dumping sociale e promozione di progresso sociale e convergenza verso l’alto.

Nel testo approvato dalla commissione non ci sono lavoratori esclusi, e si applicherebbe a tutti i Paesi inclusi quelli in cui oggi non c’è salario minimo legale, quindi anche all’Italia. Verrebbero riconosciute, però, le diverse prassi nazionali nella fissazione dei salari, con la soglia dell’80% della copertura della contrattazione collettiva.

"Il nostro è uno dei pochi Paesi Ue a non avere ancora un salario minimo fissato per legge, circostanza che oggi, secondo l'Inps, vede 4,5 milioni di lavoratori guadagnare meno di 9 euro lordi all'ora mentre 2,5 milioni sono sotto la soglia degli 8 euro – commentano in una nota i deputati e le deputate del Movimento 5 Stelle delle commissioni Lavoro e Politiche europee della Camera – Proprio come indicato dalla direttiva, la nostra proposta vuole fissare una soglia di dignità sotto cui nessun contratto collettivo dovrà mai scendere". E ancora: "Questo voto è una grande vittoria per tutti i lavoratori perché vengono fissati nero su bianco i tre criteri chiave per determinare l’adeguatezza e l’equità dei salari: il salario minimo dovrà essere al di sopra del 50% del salario medio e del 60% del salario mediano lordo nazionale, ed essere al di sopra di una ‘soglia di dignità’ calcolata in base al potere d’acquisto dei salari, tenendo conto di un paniere di beni e servizi a prezzi reali, comprensivi di IVA e imposte", sottolinea Daniela Rondinelli, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

103 contenuti su questa storia
Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento europeo: "Sassoli un combattente, lo onorerò"
Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento europeo: "Sassoli un combattente, lo onorerò"
Parlamento europeo, chi sono i candidati alla presidenza: domani il voto
Parlamento europeo, chi sono i candidati alla presidenza: domani il voto
Cos'è il premio europeo Carlo Magno della gioventù, il riconoscimento per progetti dei giovani in Ue
Cos'è il premio europeo Carlo Magno della gioventù, il riconoscimento per progetti dei giovani in Ue
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni