120 CONDIVISIONI
Speciale referendum giustizia 12 giugno 2022
9 Giugno 2022
13:08

Referendum Giustizia, l’affondo di Bonino: “Salvini dopo la raccolta firme è sparito”

Emma Bonino attacca Matteo Salvini, sui Referendum sulla Giustizia: “Il coinvolgimento di Salvini è arrivato in corsa su un’iniziativa del Partito Radicale, ma, raccolte le firme, sembra ora non gli interessi più la buona giustizia”.
A cura di Annalisa Cangemi
120 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Speciale referendum giustizia 12 giugno 2022

La Lega continua a lamentare una scarsa copertura mediatica sui cinque referendum sulla Giustizia, su cui i cittadini sono chiamati a esprimersi domenica 12 giugno, quando le urne saranno aperte anche per le elezioni amministrative in oltre 1000 comuni italiani. Per il Carroccio, che i referendum li ha scritti e proposti, insieme ai Radicali, non c'è stata una seria informazione per i potenziali elettori, che si troveranno in mano domenica ben cinque schede elettorali di colore diverso.

Per questo il senatore Calderoli, vicepresidente di Palazzo Madama, ha iniziato lo sciopero della fame, e ha chiesto l'intervento del Presidente della Repubblica Mattarella e del presidente del Consiglio Draghi. Un appello rilanciato anche dal leader della Lega Matteo Salvini, secondo cui le tv "stanno nascondendo in maniera vigliacca e infame i Referendum sulla giustizia, c'è una campagna di censura". 

"Magari sono stato distratto io, ma non mi sono accorto che dalle massime cariche dello Stato sia arrivato un promemoria agli italiani sul fatto che possano votare i Referendum sulla giustizia", ha detto presenziando a un evento elettorale a Sesto San Giovanni a sostegno del candidato sindaco Roberto Di Stefano. "È mercoledì: conto che da qui a domenica – ha aggiunto – il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio si limitino quanto meno a ricordare agli italiani che votare al Referendum è un diritto. Chi non vota poi non si lamenti se la giustizia non cambia per i prossimi 30 anni".

Ma la senatrice Emma Bonino fa notare piuttosto l'assenza di Salvini che, a suo dire, non avrebbe contribuito a sufficienza a rilanciare il tema: "Il coinvolgimento di Salvini è arrivato in corsa su un'iniziativa del Partito Radicale, ma, raccolte le firme, sembra ora non gli interessi più la buona giustizia. Mi pare sia più interessato a mettere in discussione le scelte di Draghi e a correre in soccorso dell'amico Putin – diciamo che il garantismo e la simpatia per quei regimi dove la libertà dei cittadini è annichilita sono un po' in contraddizione – e i Referendum non siano la priorità", è la stoccata.

Bonino ha detto che voterà cinque Sì: "Di certo la riforma avviata dalla signora Ministro Cartabia è positiva e va sostenuta, ma non è sufficiente. Dal buon funzionamento della macchina giudiziaria passa tutto ciò per cui ho fatto numerose lotte politiche, dai diritti umani, alle libertà economiche e civili, alla difesa dei più deboli. Per non parlare della burocrazia, le carceri, i migranti e via dicendo. Serve una riforma coraggiosa e complessiva, perché dalla giustizia giusta passa lo Stato di diritto e quindi la democrazia e la tutela delle libertà", ha detto in un'intervista a La Stampa. E sul fatto che i quesiti portino la firma del leader della Lega, Matteo Salvini, Bonino sottolinea: "Sono sempre contenta quando vedo un avversario politico che sostiene le iniziative che hanno riguardato tutta la mia storia politica. È così per l'europeismo, cui tutti ora sembrano entusiasti sostenitori, manco volessero togliermi il ‘core business' che mi ha portato a fondare +Europa. Lo stesso vale sulla giustizia".

La senatrice comunque condivide l'iniziativa di protesta del leghista Calderoli: "Apprezzo lo sforzo del senatore Calderoli. Ritengo sia un atto non violento, da me e Marco Pannella usato in moltissime occasioni, efficace. Non so se la situazione sia più o meno peggiorata. Di certo non si è fatto nessun avanzamento per informare e, quindi, consapevolizzare le scelte dei cittadini italiani".

120 CONDIVISIONI
Referendum 2022
1° Quesito
2° Quesito
3° Quesito
4° Quesito
5° Quesito
Abrogazione del Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità  e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi. 62709 sezioni su 62716
46.92%
Limitazione delle misure cautelari: abrogazione dell'ultimo inciso dell'™art. 274, comma 1, lett. c), codice di procedura penale, in materia di misure cautelari e, segnatamente, di esigenze cautelari, nel processo penale. 62709 sezioni su 62716
44.63%
Separazione delle funzioni dei magistrati. Abrogazione delle norme in materia di ordinamento giudiziario che consentono il passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa nella carriera dei magistrati. 62709 sezioni su 62716
26.73%
Partecipazione membri laici alle deliberazioni Consiglio direttivo Corte di cassazione e Consigli giudiziari. Abrogazione norme in materia di composizione Consiglio direttivo Corte di cassazione e Consigli giudiziari e delle competenze dei membri laici. 62709 sezioni su 62716
28.72%
Abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio superiore della Magistratura. 62709 sezioni su 62716
28.37%
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni