986 CONDIVISIONI
Speciale referendum giustizia 12 giugno 2022
13 Giugno 2022
07:59

Referendum Giustizia fallisce, risultati definitivi: quorum lontanissimo, affluenza al 20,9%

Flop per i referendum sulla Giustizia, quorum lontanissimo: i Sì sono la maggioranza, ma la consultazione è nulla, perché l’affluenza definitiva è poco oltre il 20%.
A cura di Annalisa Cangemi
986 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Speciale referendum giustizia 12 giugno 2022

Urne deserte per il referendum sulla Giustizia: la consultazione è un clamoroso flop. Con i dati completi di 7.903 comuni su 7.903 i cinque referendum abrogativi sulla Giustizia, promossi da Lega e Radicali, non raggiungono il 50% più uno degli elettori, e quindi non possono essere ritenuti validi. L'affluenza è bassissima, è sotto il 21% dell'elettorato.

Dalla Lega, già poco dopo le 20, arriva un messaggio di ringraziamento agli elettori, in cui tra le righe si ammette la sconfitta: "La Lega ringrazia i milioni di italiani che hanno votato o voteranno nonostante un solo giorno con le urne aperte, il silenzio di troppi media e politici, il weekend estivo e il vergognoso caos seggi visto per esempio a Palermo". Il riferimento è al caos che si è determinati nel capoluogo siciliano, con almeno 50 sezioni che alle 7, orario in cui in teoria avrebbero dovuto aprire i seggi,  mancavano i presidenti di sezione, che avevano dato forfait il giorno prima. Matteo Salvini, ha espresso "preoccupazione e sconcerto" al capo dello Stato, Sergio Mattarella, per "il grave danno arrecato alla democrazia in una delle città più importanti d'Italia". Poco prima lo sfogo: "Pazzesco, a due ore dall'inizio del voto decine di seggi ancora chiusi, e in altri si può votare solo per il Comune ma non per i referendum. Il ministro Lamorgese, il presidente Draghi e il presidente Mattarella ritengono che tutto ciò sia normale?". In serata arriva anche il commento della titolare del Viminale, Luciana Lamorgese: "È gravissimo che a Palermo, senza alcun preavviso, un elevato numero di presidenti di seggio non si sia presentato per l'insediamento, ovvero abbia rinunciato all'incarico, ritardando l'avvio delle operazioni di voto". Ma l'election day è ormai compromesso. Vediamo nel dettaglio i risultati definitivi.

Referendum Giustizia, i risultati definitivo

Il risultato della consultazione, come si diceva, è nullo. Quando i dati del Viminale sono praticamente completi appare chiaro che a recarsi alle urne è stato appena il 20,9% degli aventi diritto. Nel dettaglio, quando manca ormai una manciata di comuni, il Viminale riporta i seguenti dati sull'affluenza: Quesito 1 (incandidabilità dopo condanna, cioè abolizione della legge Severino): 20,95%; Quesito 2 (limitazione misure cautelari, come carcerazione preventiva o domiciliari): 20,93%; Quesito 3 (separazione funzioni dei magistrati, cioè stop alle cosiddette ‘porte girevoli' nella magistratura): 20,93%; Quesito 4 (membri laici consigli giudiziari, cioè valutazione dei magistrati da parte di avvocati e professori universitari): 20,92%; Quesito 5 (elezioni componenti togati CSM): 20,92%.

Per quanto riguarda i risultati della consultazione, anche se appunto non può essere ritenuta valida per il mancato raggiungimento del quorum, in tutti e cinque i casi hanno prevalso i sì. Quando erano state scrutinate oltre 50 mila sezioni su 61.569 il "verdetto" era il seguente: Quesito 1 (incandidabilità dopo condanna): sì 55,07%, no 44,93%; Quesito 2 (limitazione misure cautelari): sì 57,38%, no 42,62%; Quesito 3 (separazione funzioni dei magistrati): sì 76,01%, no 23,99%; Quesito 4 (membri laici consigli giudiziari): sì 74,17%, no 25,83%; Quesito 5 (elezioni componenti togati CSM): sì 74,79%, no 25,21%.

986 CONDIVISIONI
Referendum 2022
1° Quesito
2° Quesito
3° Quesito
4° Quesito
5° Quesito
Abrogazione del Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità  e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi. Definitivi
46.92%
Limitazione delle misure cautelari: abrogazione dell'ultimo inciso dell'™art. 274, comma 1, lett. c), codice di procedura penale, in materia di misure cautelari e, segnatamente, di esigenze cautelari, nel processo penale. Definitivi
44.63%
Separazione delle funzioni dei magistrati. Abrogazione delle norme in materia di ordinamento giudiziario che consentono il passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa nella carriera dei magistrati. Definitivi
26.74%
Partecipazione membri laici alle deliberazioni Consiglio direttivo Corte di cassazione e Consigli giudiziari. Abrogazione norme in materia di composizione Consiglio direttivo Corte di cassazione e Consigli giudiziari e delle competenze dei membri laici. Definitivi
28.72%
Abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio superiore della Magistratura. Definitivi
28.37%
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni