817 CONDIVISIONI
Opinioni
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
28 Gennaio 2022
16:41

Quirinale, il flop di Casellati dimostra che la destra non è così compatta come vuole far credere

Il centrodestra ha deciso di forzare un’operazione in Aula, dove proseguono le votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica. Lega, Fi e FdI hanno deciso di candidare Elisabetta Casellati e provare a contarsi, invece che continuare sulla via dell’accordo condiviso. In Aula, però, il flop. E la presidente del Senato ha preso circa 100 voti in meno di quelli previsti.
A cura di Annalisa Girardi
817 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Quinta fumata nera per l'elezione del presidente della Repubblica. Questa volta, però, rischia di bruciare tutto. Dopo giorni di trattative e colloqui tra i leader dei partiti che non hanno portato a nulla, il centrodestra ha deciso di provare a forzare un’operazione in Aula, annunciando il voto alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. Il tutto nonostante il centrosinistra avesse già detto che non avrebbe accettato candidature di parte, avvertendo che così si stesse mettendo a rischio la maggioranza di governo.

Movimento Cinque Stelle, Partito democratico e Liberi e Uguali si sono quindi astenuti dalla votazione, la quinta. Mentre il centrodestra è andato compatto su Casellati. Almeno in teoria, visto che poi i voti effettivi sono stati un centinaio in meno di quelli previsti. La presidente del Senato, infatti,  ha ricevuto 382 preferenze: ma Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia sulla carta da soli potevano contare su oltre 400 voti, a cui si sarebbero dovuti aggiungere quelli dei partiti centristi come Coraggio Italia o l’UdC, che sono alleati del centrodestra. I voti andati a Silvio Berlusconi e Antonio Tajani, rispettivamente numero uno e due di Forza Italia (il partito di cui fa parte Casellati) lo dimostrano: la coalizione non è affatto unita come vuole far credere. I

nsomma, il blitz non è riuscito e ora, a pochi minuti dalla sesta votazione un accordo sembra ancora più difficile da raggiungere. Il centrodestra dovrà tornare al tavolo delle trattative con una rinnovata consapevolezza di non avere né numeri a suo a favore né il coltello dalla parte del manico. Il centrosinistra lo farà fidandosi ancora meno degli avversari. E alla fine, qualsiasi sarà l’esito della partita, la maggioranza di governo non si potrà dire rafforzata.

Sullo sfondo rimangono sempre Mario Draghi e Sergio Mattarella. Sul primo si potrebbe convergere in quanto unico nome davvero condiviso, ma i presupposti per restare poi insieme al governo si fanno sempre più sfumati. Sul secondo, invece, si potrebbe arrivare alla fine, se dovesse risultare impossibile sia l’accordo sul Quirinale che quello su Palazzo Chigi. E se si chiedesse alla fine a Mattarella di restare a salvare il tutto e ricucire i tagli, del Quirinale si riparlerebbe poi il prossimo anno. Con un altro Parlamento.

817 CONDIVISIONI
Berlusconi dice che ha chiamato lui Mattarella per convincerlo a fare il bis
Berlusconi dice che ha chiamato lui Mattarella per convincerlo a fare il bis
Sondaggi, dopo il Quirinale giù quasi tutti i partiti: guadagnano punti solo Meloni e Renzi
Sondaggi, dopo il Quirinale giù quasi tutti i partiti: guadagnano punti solo Meloni e Renzi
Quirinale, Fdi chiede la non rieleggibilità del Capo dello Stato: cosa dice la proposta di legge
Quirinale, Fdi chiede la non rieleggibilità del Capo dello Stato: cosa dice la proposta di legge
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni