850 CONDIVISIONI
Governo Draghi
12 Febbraio 2021
19:53

Mario Draghi scioglie la riserva e annuncia i suoi ministri: il nuovo governo giurerà domani

Mario Draghi è salito al Quirinale e ha sciolto la riserva davanti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il nuovo presidente del Consiglio ha annunciato i nomi dei ministri che andranno a comporre l’esecutivo. Il nuovo governo presterà giuramento domani alle ore 12. Vediamo da chi sarà formato.
A cura di Annalisa Girardi
850 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Governo Draghi

Mario Draghi è salito al Quirinale e ha sciolto la riserva davanti al capo dello Stato, Sergio Mattarella. Il nuovo presidente del Consiglio ha quindi annunciato i nomi dei suoi ministri. Il nuovo governo giurerà domani alle ore 12. "Vi leggo la composizione del governo: per primi i ministri senza portafoglio: Federico d'Incà, al quale sarà conferito l'incarico per i rapporti con il Parlamento, Vittorio Colao all'innovazione tecnologica e transizione digitale, Renato Brunetta alla Pubblica amministrazione, Mariastella Gelmini agli Affari regionali e Autonomie, Mara Carfagna al Sud, Fabiana Dadone alle Politiche giovanili, Elena Bonetti alle Pari opportunità, Erika Stefani alle Disabilità, Massimo Garavaglia al Coordinamento di iniziative nel settore del turismo, preposto al nuovo ministero con portafoglio del Turismo".

I ministri con portafoglio invece saranno:

  • Luigi Di Maio , Esteri
  • Luciana Lamorgese, Interno
  • Marta Cartabia, Giustizia
  • Lorenzo Guerini, Difesa
  • Daniele Franco, Economia
  • Giancarlo Giorgetti, Sviluppo economico
  • Stefano Patuanelli, Agricoltura
  • Roberto Cingolani, Transizione ecologica
  • Enrico Giovannini, Infrastrutture e Trasporti
  • Andrea Orlando, Lavoro e politiche sociali
  • Patrizio Bianchi, Istruzione
  • Cristrina Messa, Università
  • Dario Franceschini, Cultura
  • Roberto Speranza, Salute
  • Roberto Garofoli, Sottosegretario di Stato

850 CONDIVISIONI
263 contenuti su questa storia
Risoluzione Ucraina, stallo nella maggioranza: si litiga ancora su formula e armi
Risoluzione Ucraina, stallo nella maggioranza: si litiga ancora su formula e armi
Perché il 21 giugno è un giorno decisivo per il governo Draghi e cosa può accadere
Perché il 21 giugno è un giorno decisivo per il governo Draghi e cosa può accadere
I tifosi del governo Draghi sono peggio dei suoi sottosegretari
I tifosi del governo Draghi sono peggio dei suoi sottosegretari
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni