102 CONDIVISIONI

La minaccia di Salvini contro gli scioperi: “Scene indegne nelle stazioni, non si ripeteranno”

Il ministro dei Trasporti si scaglia contro i lavoratori che hanno scioperato oggi: “Scene indegne e inaccettabili nelle stazioni italiane – ha attaccato Salvini – Ritardi, treni cancellati e lunghe code. Lo trovo intollerabile e farò di tutto affinché non si ripeta”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Tommaso Coluzzi
102 CONDIVISIONI
Immagine

Abbandonati i migranti, dimenticata la riforma delle pensioni e avviato il Ponte sullo Stretto, Matteo Salvini ha un nuovo obiettivo: gli scioperi. Il leader della Lega si scaglia da settimane contro i sindacati e i lavoratori che decidono di scioperare, colpevoli di creare disservizi (che di base è uno degli strumenti per creare attenzione rispetto a una protesta). Salvini continua a contrapporre, a ogni occasione utile, l'idea dell'Italia che deve correre e produrre e quella che sciopera. Un po' come se chi decide di aderire a una protesta lo facesse per evitare di lavorare. D'altronde la narrazione del ministro dei Trasporti è più o meno sempre questa, come dimostrato con le insinuazioni nei confronti di Maurizio Landini, leader della Cgil, e la mano pesante con le precettazioni.

Lo sciopero di oggi 30 novembre, a cui – secondo i sindacati – ha aderito il 100% dei ferrovieri, è stato particolarmente partecipato. Anche perché le motivazioni erano ancora più forti della protesta economica contro la manovra: i ferrovieri hanno incrociato le braccia dopo la tragedia di Corigliano Rossano.

A Salvini la protesta non è andata giù: "Scene indegne e inaccettabili nelle stazioni italiane – ha commentato il ministro – ritardi, treni cancellati e lunghe code di cittadini esasperati". Poi ha precisato: "Per rispetto di chi ha perso la vita sul lavoro non siamo intervenuti, come invece successo recentemente, ma è chiaro che il sacrosanto diritto alla mobilitazione non può cancellare quello di milioni di cittadini che devono viaggiare".

Il vicepresidente del Consiglio ha insistito: "La giornata di oggi rende ancora più evidente che scioperi di troppe ore hanno ricadute pesantissime sulle vite di troppe persone incolpevoli. Lo trovo intollerabile". E ha concluso con una indicazione chiara: "È mia precisa intenzione, in futuro, fare di tutto affinché simili scene non si ripetano anche se auspico che i sindacati evitino iniziative irragionevoli".

102 CONDIVISIONI
Salvini e Meloni ci ripropongono la pantomima del centrodestra unito: ma sono più distanti che mai
Salvini e Meloni ci ripropongono la pantomima del centrodestra unito: ma sono più distanti che mai
Porta in classe un coltello e minaccia di fare del male a una compagna: denunciato un 16enne
Porta in classe un coltello e minaccia di fare del male a una compagna: denunciato un 16enne
Il biografo di Navalny: "Salvini parlava di lui con le parole di Putin. Era una minaccia per il Cremlino"
Il biografo di Navalny: "Salvini parlava di lui con le parole di Putin. Era una minaccia per il Cremlino"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views