"Noi e Sinistra italiana siamo pronti a votare anche la fiducia" ha dichiarato questa sera a Cartabianca il leader di Mdp, Pierluigi Bersani. "E' il momento giusto perché si tratta di una ingiustizia che colpisce 800mila persone". 

Per la celebrazione dei 10 anni del Partito Democratico al teatro Eliseo di Roma il premier Gentiloni aveva annunciato che il governo è al lavoro per discutere la legge entro questa legislatura: "Spero che saremo orgogliosi di poter dire che il diritto dei bambini che frequentano le nostre scuole ma sono nati da genitori stranieri possono avere il diritto alla cittadinanza. Stiamo lavorando per approvare la legge entro questa legislatura". Il presidente del Consiglio era stato incalzato dal discorso che Walter Veltroni, fondatore del Pd, aveva fatto in apertura. Veltroni si era rivolto direttamente a Gentiloni e al segretario Matteo Renzi, incalzandoli: "Vorrei che la legislatura si concludesse con l'approvazione dello ius soli. Paolo e Matteo fate ciò che è necessario".

Per D'Alema l'approvazione della legge sullo ius soli è una questione di sicurezza. Come ha detto oggi a margine di un incontro a Lecce: "Mi auguro che lo Ius Soli sia approvato prima del termine della legislatura. E' una legge giusta anche se molte persone non sanno cosa sia, si è creata paura e confusione anche perché nessuno la spiega e la gente crede ancora che si voglia dare la carta d'identità a chi arriva con i barconi. Una cosa assurda" – ha spiegato "Qui si tratta – ha rilevato – di riconoscere la cittadinanza italiana a dei ragazzi che sono a tutti gli effetti italiani, altrimenti saranno degli apolidi, degli emarginati, delle persone frustrate". Che possono diventare un pericolo per la società.

Per il capogruppo del Pd Luigi Zanda il problema restano però i numeri, e a questo si deve la mancata calendarizzazione del ddl: Torna a ripetere che il provvedimento arriverà in Aula quando il Pd sarà certo di avere la maggioranza per farlo approvare.