1.312 CONDIVISIONI
Elezioni politiche 2018
5 Marzo 2018
18:51

Il centrosinistra è morto, ucciso dalla bulimia di potere di Matteo Renzi

Il Partito Democratico è definitivamente crollato, Matteo Renzi ha letteralmente bruciato quel 40% di consensi elettorali sbandierato nel corso degli ultimi anni e spinto il Pd nel baratro. Solo poche settimane fa, il segretario nazionale ha dichiarato di non essere intenzionato a dimettersi dalla carica anche in caso di prevedibile disfatta. A qualche ora dalla chiusura delle urne, però, Renzi ha dovuto ammettere la sconfitta e rassegnare le dimissioni da segretario. Il centrosinistra, intanto, praticamente non esiste più, annullato dal deleterio personalismo di Renzi.
1.312 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Controcorrente

Com'era prevedibile, il Partito Democratico guidato da Matteo Renzi ha subito un vero e proprio tracollo, trascinando con sé tutto il centrosinistra. Fino a pochi giorni fa, quando ancora non era entrato in vigore il silenzio elettorale, il segretario nazionale andava dicendo di essere convinto che il Partito Democratico avrebbe guadagnato consensi e il centrosinistra sarebbe stato il primo gruppo parlamentare sia alla Camera che al Senato. Le prime proiezioni diffuse dai vari istituti demoscopici nella serata del 4 marzo hanno ridimensionato non poco le aspettative dell'ex presidente del Consiglio: al Senato il Pd ha raggiunto solo il 18% dei consensi circa, un dato sensibilmente più basso di quello che portò l'ex segretario Pier Luigi Bersani a rassegnare le dimissioni nel 2013. Una vera e propria Caporetto potrebbe definirsi l'impresa del Partito Democratico a questa tornata elettorale. Nella nottata del 4 marzo 2018 possiamo finalmente dire a voce alta, senza timor di smentita, che chi segnalava un palpabile tracollo del Pd a trazione renziana non era un mero "gufo e rosicone" ma semplicemente stava evidenziando una pericolosissima deriva, un crollo di consensi che lo stesso Matteo Renzi e i suoi sodali avrebbero potuto vedere non fossero stati accecati da una vera e propria bulimia di potere.

Dalla tremenda sconfitta referendaria del 4 dicembre 2016, Matteo Renzi non si è mai più ripreso e ha totalizzato una serie impressionanti di errori e scivoloni politici. Se gli ultimi due anni di segretariato del Partito Democratico potessero essere riassunti in un titolo, il titolo perfetto potrebbe essere: "Matteo Renzi, 1001 modi per uccidere il centrosinistra". Dal 4 dicembre 2016, Matteo Renzi ha perso la trebisonda, ha iniziato a respingere sconfitte e problemi, ha neutralizzato la minoranza dem del Partito Democratico convinto di poter avanzare nei sondaggi con un Pd a sola trazione renziana, ha protetto l'intoccabile Maria Elena Boschi contro tutto e contro tutti negando l'evidenza, ha preferito attaccare i giornalisti che cercavano di dare notizie e analizzare la reale situazione politico-elettorale che non cospargersi il capo di cenere e ammettere di aver fatto qualche sbaglio.

Dal 4 dicembre 2016, Matteo Renzi sembra aver lavorato solo e unicamente a un unico obiettivo: distruggere il Partito Democratico e il centrosinistra, come una sorta di moderno Nerone ha fatto intorno a sé terra bruciata. In un vero e proprio inarrestabile delirio di onnipotenza, Matteo Renzi ha trascinato nel baratro non solo il centrosinistra e il Partito Democratico, ma soprattutto se stesso. In un Paese normale, una débâcle del genere porterebbe il leader del partito non solo a rassegnare immediatamente le dimissioni ma anche a sparire dalla scena politica. Ma siamo in Italia, il Paese dove tutto può succedere, e molto probabilmente Matteo Renzi proverà, nonostante le dimissioni da segretario e il lancio di un nuovo congresso dem, a rimanere in sella contro tutto e contro tutti, aggrappandosi ai vecchi e stantii risultati dei 1000 giorni di governo, provando a dare la colpa dell'atroce sconfitta a tutto e a tutti, i sempreverdi "italiani che non hanno capito" fuorché al reale responsabile del disastro: se stesso, Matteo Renzi, colui che anche di fronte a una disfatta epocale rassegna sì le inevitabili dimissioni, ma non si azzarda a fare nemmeno un accenno di autocritica.

1.312 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
597 contenuti su questa storia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Controcorrente
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni