735 CONDIVISIONI

Europee, Salvini: “Veti su Le Pen? Risultato sarà un nuovo inciucio, non avrà i voti della Lega”

“Se qualcuno comincia a dire non mi piacciono i francesi, i tedeschi e gli austriaci, il risultato è che ci sarà un nuovo inciucio in Europa. I voti della Lega non andranno mai a sostenere le sinistre in Europa”, mette in chiaro Matteo Salvini parlando della corsa alle europee.
A cura di Annalisa Girardi
735 CONDIVISIONI

Matteo Salvini vuole replicare in Europa l'accordo che in Italia ha portato il centrodestra unito a governare. Un progetto più semplice a dirsi che a farsi: la campagna elettorale per le prossime elezioni europee deve ancora entrare nel merito, ma quando si parla di alleanze già emergono i contrasti tra le diverse forze politiche. Antonio Tajani, leader di Forza Italia ed ex presidente del Parlamento europeo, ha giurato che non farà mai un accordo con il Rassemblement National di Marine Le Pen, che invece rimane interlocutore privilegiato della Lega. E ora Salvini avverte: chi mette i veti porterà a "un nuovo inciucio in Europa" a cui lui non ha intenzione di partecipare.

Le Pen, che il segretario leghista ha anche invitato alla festa del suo partito a Pontida, è "un'amica, una donna coraggiosa, libera e democratica", dice Salvini. Per poi aggiungere: "Non ci sono spettri che girano per l'Europa. Rappresenta il primo partito di Francia. Se devo scegliere tra i socialisti e Macron e Le Pen, la Lega sa da che parte stare. Se qualcuno comincia a dire non mi piacciono i francesi, i tedeschi e gli austriaci, il risultato è che ci sarà un nuovo inciucio in Europa. I voti della Lega non andranno mai a sostenere le sinistre in Europa".

Insomma, una chiara frecciata a Tajani, che più volte ha detto che non si sarebbe mai alleato con Le Pen. Al momento Forza Italia rimane sotto l'ombrello del Partito popolare europeo, mentre la Lega fa riferimento a Identità e Democrazia, casa anche del Rassemblement National. Un'intesa tra le parti, stando alle dichiarazioni di questi giorni, sembra lontana anni luce.

"Noi abbiamo una legittima aspirazione, quella di portare il modello italiano anche a Bruxelles. In questo senso ci sono stati passaggi politici importanti: Antonio Tajani e Metsola sono stati eletti non con i voti dei socialisti ma con i voti di un centrodestra europeo", ha commentato Alessandro Cattaneo, vicecoordinatore nazionale di Forza Italia, a Start su Sky Tg24. "Al governo dell'Europa possono sedere tutti coloro che hanno un'accezione governativa, quindi sorrido quando sento dire che Salvini non possa farlo, quando in Italia la Lega è uno dei partiti che più è stato al governo e guida le più importanti regioni d'Italia. C'è un tema vero, cioè che per noi sono irricevibili alcune alleanze nella sua famiglia europea, ma questo attiene anche alle scelte che Salvini farà da qui alle elezioni", ha aggiunto, specificando che "ognuno farà la sua partita".

Invece, da parte di Fratelli d'Italia, ci ha pensato Fabio Rampelli a commentare. E ha tagliato corto: "In Europa Salvini deciderà cosa fare. Anche in Europa cercheremo di realizzare la stessa alleanza che c’è in Italia".

735 CONDIVISIONI
Salvini:
Salvini: "Per le europee non sono in competizione con Meloni e Tajani, mio obiettivo è riunirci"
Sondaggi politici, la Lega di Salvini è il partito che perde più consenso nell'ultimo mese
Sondaggi politici, la Lega di Salvini è il partito che perde più consenso nell'ultimo mese
La Lega vuole contrattare con l'Unione europea una proroga per il mercato tutelato dell'energia
La Lega vuole contrattare con l'Unione europea una proroga per il mercato tutelato dell'energia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni