Urne chiuse in Umbria. Centrodestra in testa con il candidato presidente Donatella Tesei tra il 56,5 e il 60,5%; l'alleanza Pd-M5s con il candidato presidente Vincenzo Bianconi è dato tra il 35,5 e il 39,5%. Questo il primo exit poll Rai sulle elezioni regionali fornito attraverso il Consorzio Opinio Italia.

Alle ore 23 il dato definitivo sull'affluenza alle urne è del 64,69%: lo conferma il Viminale, che ha diffuso il dato di 42 dei 92 Comuni in cui è avvenuto il voto.

Il dato dell'affluenza delle ore 12 dimostra un aumento nella partecipazione degli elettori. Il Viminale ha reso disponibile il dato parziale sull'affluenza alle 19: con 56 comuni su 92 di disponibili l'affluenza è del 52,47%. Confermata la tendenza all'aumento della partecipazione al voto: alle 12 aveva invece votato il 19,55% dei votanti, circa il 4% in più rispetto al 2015 (quando alle 12 l'affluenza si era fermata al 15,39%).

I cittadini dell’Umbria erano chiamati a eleggere il presidente di Regione in una sfida che è molto più di un semplice confronto locale. Le elezioni regionali in Umbria si configurano, infatti, anche come un test con una ricaduta nazionale, particolarmente importante per il governo e per la coalizione giallo-rossa. A essere chiamati al voto erano 703mila elettori. Quelle umbre sono elezioni anticipate di un anno rispetto alla normale scadenza della legislatura e testeranno per la prima volta, a livello elettorale, il patto civico tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Un'alleanza che potrebbe ripetersi anche alle prossime elezioni regionali, quelle in Emilia Romagna e Calabria, altrettanto importanti per la tenuta dell'attuale maggioranza. La sfida è tra il candidato di questa coalizione inedita, Vincenzo Bianconi, e il centrodestra unito, con Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia schierati con Donatella Tesei.

Elezioni Umbria, affluenza oltre il 65%

Il Ministero dell'Interno ha reso disponibile il dato parziale sull'affluenza al voto alle ore 12: ha votato il 19,55% degli aventi diritto. Un dato che va in controtendenza rispetto alle stime nazionali e delle precedenti elezioni, che segna un aumento della partecipazione. Nel 2015, infatti, alle 12 aveva votato in umbria il 15,39% degli aventi diritto. Alle 19 i votanti che si sono recati al seggio erano il 56,93% degli aventi diritto, più di 13 punti percentuali in più rispetto al 2015. Il Viminale ha comunicato il dato definitivo dell'affluenza, che si attesta oltre il 65%.

Elezioni Umbria, chi sono i candidati al governo della Regione

Alle elezioni regionali umbre viene eletto presidente di Regione il candidato che prende più voti: non è previsto il ballottaggio. I candidati alla presidenza sono 8, le liste sono 19. I favoriti sono Donatella Tesei, candidata del centrodestra supportata da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Tesei presidente, Umbria Civica; e Vincenzo Bianconi, sostenuto da Pd, Movimento 5 Stelle, Europa Verde Umbria, Sinistra Civica Verde, Bianconi per l’Umbria. Gli altri candidati sono: Claudio Ricci, Emiliano Camuzzi, Rossano Rubicondi, Giuseppe Cirillo, Martina Carletti e Antonio Pappalardo.

Come si vota alle elezioni in Umbria

Si è votato domenica 27 ottobre dalle 7 alle 23. Per votare era necessario presentarsi al proprio seggio con un documento d’identità e la tessera elettorale. A ogni elettore è stata consegnata una sola scheda con i nomi dei candidati alla presidenza: accanto a ognuno di essi ci saranno le liste che lo sostengono. Si poteva votare in vari modi: tracciando un segno sul candidato presidente (il voto va a tutta la coalizione), tracciando un segno sui simboli di lista (il voto va anche al presidente), tracciando un segno sul nome del candidato e sul simbolo di una lista a lui collegata (ma non è ammesso il voto disgiunto), si scrivono fino a due preferenze e il voto va anche al presidente sostenuto da quella lista (nel caso in cui le preferenze siano due devono andare a candidati di sesso diverso).

Perché le elezioni in Umbria sono importanti

Il voto regionale umbro mai come questa volta è significativo anche da un punto di vista nazionale. Si tratta sicuramente di un test sulla tenuta del governo, essendo il primo voto dopo l’arrivo a Palazzo Chigi dell’esecutivo Conte bis con la nuova alleanza tra Pd e M5s. E proprio questa alleanza verrà testata per la prima volta nelle urne: mai prima d’ora i due partiti si erano presentati insieme di fronte ai cittadini. Questo test, quindi, potrebbe anche essere precursore di un patto elettorale più diffuso per arginare la Lega, Matteo Salvini e tutto il centrodestra. L’esperimento si potrebbe ripetere già alle prossime elezioni regionali, previste in Emilia Romagna e Calabria. E potrebbe essere esteso, in futuro, anche a livello nazionale, in caso di risultati positivi, come già qualcuno all’interno della coalizione di governo si auspica.

Quando arriveranno i risultati

Per i risultati delle elezioni regionali in Umbria bisognerà, probabilmente, attendere la notte. Sarà possibile seguire l’esito del voto con gli speciali in onda sulle reti Rai, su La7 con la Maratona Mentana e su Sky Tg24. In particolare la Rai – con lo speciale Tg3 e con la diretta su RaiNews24 – si avvarrà del Consorzio Opinio Italia (formato dall’istituto Piepoli, Noto sondaggi ed Emg) già per fornire un primo exit poll alle 23 e un secondo alle 23.40. A partire dalla mezzanotte, poi, verranno diffuse le proiezioni sui dati reali delle prime sezioni scrutinate. I risultati, quindi, dovrebbero arrivare nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 ottobre.