367 CONDIVISIONI
Speciale Europa
8 Ottobre 2021
14:59

Dodici Paesi dell’Unione europea vogliono costruire delle barriere ai confini per fermare i migranti

Austria, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Grecia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria hanno firmato una lettera in cui chiedono alla Commissione Ue e al Consiglio europeo di pensare alla costruzione di “barriere fisiche” per proteggere le frontiere dell’Unione.
A cura di Tommaso Coluzzi
367 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Speciale Europa

Fermare i migranti con muri, barriere e fili spinati. Un'idea che periodicamente torna di moda per risolvere le crisi migratorie nel mondo, dal confine Sud degli Stati Uniti a quello dell'Est Europa. Nel giorno in cui i ministri dell'Interno dell'Unione europea si riuniscono in Lussemburgo, per confrontarsi proprio sulla questione migratoria e sulle frontiere dell'Ue, da un gruppo di Paesi comunitari è partita una lettera diretta alla Commissione europea e alla presidenza del Consiglio Ue. A firmarla sono Austria, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Grecia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria.

Secondo i dodici Paesi dell'Unione europea che firmano la lettera è necessario trovare nuovi strumenti per proteggere le frontiere esterne dell'Ue di fronte ai flussi migratori, anche col finanziamento europeo di recinzioni e muri. L'Europa "ha bisogno di adeguare il quadro giuridico esistente alle nuove realtà", come la "strumentalizzazione dell'immigrazione irregolare", si legge nella missiva. Bisogna creare "salvaguardie nel diritto dell'Ue che consentano agli Stati membri di agire rapidamente e proporzionalmente alla minaccia, in difesa della loro sicurezza nazionale e dell'intera Ue". Il problema, in pratica, è che "la sorveglianza delle frontiere non impedisce alle persone di tentare illegalmente valichi di frontiera" e perciò "sarebbe utile integrarla con ulteriori misure preventive".

E proprio sulle misure preventive i dodici Paesi propongono: "La barriera fisica sembra essere un'efficace misura di protezione delle frontiere che serve l'interesse dell'intera Ue – scrivono –Questa misura legittima dovrebbe essere ulteriormente e adeguatamente finanziata dal bilancio dell'Ue in via prioritaria". Insomma, il messaggio è chiaro: "Abbiamo bisogno di nuovi strumenti che ci permettano di evitare, piuttosto che affrontare in seguito, le gravi conseguenze di sistemi migratori e di asilo sovraccarichi e capacità di accoglienza esaurite, che alla fine influiscono negativamente sulla fiducia della popolazione nella nostra capacità di agire con decisione quando necessario".

367 CONDIVISIONI
80 contenuti su questa storia
Cos'è la tessera europea di sicurezza sociale che il Parlamento Ue chiede di introdurre
Cos'è la tessera europea di sicurezza sociale che il Parlamento Ue chiede di introdurre
Salario minimo, via libera del Parlamento europeo alla direttiva
Salario minimo, via libera del Parlamento europeo alla direttiva
Covid, il Parlamento europeo torna al voto a distanza fino a Natale
Covid, il Parlamento europeo torna al voto a distanza fino a Natale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni