1.276 CONDIVISIONI
Covid 19
14 Marzo 2020
20:47

Coronavirus, appello del Governo: “Chi ha famiglia in città diversa dalla propria, non ci vada”

Nonostante le disposizioni del Governo che indicano di spostarsi solo in casi di lavoro, salute e necessità, sono tantissime le persone che continuano a muoversi per andare in regioni diverse dalla propria. “Se si vuole davvero bene ai propri cari, e per il bene di tutti, vanno evitati questi viaggi”, l’appello di Palazzo Chigi.
A cura di Natascia Grbic
1.276 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"È il momento della responsabilità di tutti. Non si possono bloccare tutti i trasporti, altrimenti non si riuscirebbero a garantire i servizi essenziali e ad evitare che il Paese si fermi totalmente. Per questo va fatto uno sforzo in più da parte di tutti. Anche da parte di chi lavora o studia in un'altra regione diversa dal luogo dove ha la propria famiglia o la residenza: non si sposti. Se si vuole davvero bene ai propri cari, e per il bene di tutti, vanno evitati questi viaggi". È questo l'appello che viene da fonti interne a Palazzo Chigi e rivolto ai cittadini che continuano a spostarsi per ragioni che non sono strettamente legate al lavoro, alla salute o alla necessità. I controlli delle forze dell'ordine ci sono, migliaia di denunce sono state già fatte: eppure, nonostante gli sforzi messi in campo, c'è chi riesce comunque a spostarsi nonostante le disposizioni del Governo. E i contagi da coronavirus aumentano.

"Proprio al fine di contrastare e contenere l'emergenza sanitaria da coronavirus, e nell'ambito degli interventi volti alla riduzione dei treni ordinari a lunga percorrenza, il ministero dei Trasporti ha disposto da questa sera il blocco dei treni notturni". I trasporti continuano a rimanere attivi in tutte le regioni: il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha disposto che saranno i singoli presidenti delle Regioni a decidere se bloccarli o meno. Da quando l'Italia è stata dichiarata zona rossa, non si è mai fermato l'esodo di persone che dal Nord sono tornate verso il Sud Italia. Sono stati sopratutto i treni notturni a essere presi d'assalto: e su questi mezzi, causa il grande sovraffollamento di persone, non sarebbe stata mantenuta la distanza interpersonale di un metro.

"Gli spostamenti all'interno delle nostre città, strade e piazze vanno limitati ai soli motivi essenziali, alle sole esigenze realmente indifferibili, ovvero per andare a lavoro, per ragioni di salute o situazioni di necessità – specifica Palazzo Chigi – Queste le indicazioni dei provvedimenti adottati dal Governo, consultabili sul sito istituzionale".

1.276 CONDIVISIONI
31070 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni