10.660 CONDIVISIONI
News sul reddito di cittadinanza 2022
2 Novembre 2022
12:49

Chi rischia di perdere il reddito di cittadinanza con il governo Meloni

Il governo Meloni si prepara a togliere il reddito di cittadinanza a chi può lavorare: sono 660mila persone che, al momento, ricevono l’aiuto e non hanno un impiego.
A cura di Tommaso Coluzzi
10.660 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sul reddito di cittadinanza 2022

Il governo Meloni è pronto a fare la guerra al reddito di cittadinanza, come promesso a più riprese in campagna elettorale da Fratelli d'Italia e dalla sua coalizione. L'obiettivo dichiarato è sempre lo stesso: chi non è in grado di lavorare va aiutato, tutti gli altri, invece, dovranno rinunciare al sostegno al reddito. Cosa succederà a tutte quelle persone che in questo momento vivono dell'aiuto, però, non viene mai esplicitato. Non si parla di politiche attive del lavoro, ma solo di un taglio importante del cuneo fiscale – a tendere, tra l'altro, non tutto insieme – che dovrebbe invogliare gli imprenditori ad assumere.

I numeri sono impressionanti: secondo i numeri dell'Anpal, il reddito di cittadinanza raggiunge 2,3 milioni di persone e 1,1 milioni di famiglie. Tra le persone coinvolte – guardando i dati di fine giugno, gli ultimi disponibili – sono 919mila quelle coinvolte nei servizi per il lavoro. Quelle che, almeno in teoria, sono abili al lavoro. Perciò il resto – quasi un milione e mezzo di persone – in ogni caso non potrebbe lavorare, tra bambini, anziani e disabili.

Dai 919mila, poi, bisogna togliere oltre 66mila persone che sono state esonerate per tutta una serie di ragioni, mentre 19mila sono stati rinviati ai servizi sociali. E infine oltre 172mila persone già lavorano, ma con dei redditi talmente bassi da avere bisogno di un'integrazione – sempre lo stesso aiuto – che li portasse al di sopra della soglia minima considerata da chi ha scritto la misura.

Al netto di questi casi, più o meno particolari, che vanno comunque sottratti dal totale e depennati dalla lista, rimangono 660mila persone che sono "abili al lavoro" e non occupati. Sono loro a dover temere di perdere il reddito di cittadinanza. Cosa li aspetti dopo, inoltre, non è chiaro: il 70% non va oltre la licenza media, il 73% non ha lavorato negli ultimi tre anni, il 75% vive al Sud o nelle Isole.

Insomma, il governo Meloni probabilmente deciderà – o almeno così promette di fare – di tagliare il sostegno economico a centinaia di migliaia di persone. Ma del loro futuro senza reddito di cittadinanza, invece, non si sa nulla.

10.660 CONDIVISIONI
391 contenuti su questa storia
Ecco a voi la storia di un lavoratore e percettore del Reddito di cittadinanza
Ecco a voi la storia di un lavoratore e percettore del Reddito di cittadinanza
Conte a Napoli:
Conte a Napoli: "Reddito di Cittadinanza va difeso, ha salvato un milione di italiani dalla povertà"
Abolizione del Reddito di Cittadinanza, a Napoli arriva Giuseppe Conte: evento a Scampia il 2 dicembre
Abolizione del Reddito di Cittadinanza, a Napoli arriva Giuseppe Conte: evento a Scampia il 2 dicembre
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni