Una foto del presidio a Ventimiglia
in foto: Una foto del presidio a Ventimiglia

Per il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz la soluzione per l’emergenza migranti in Italia è semplice: lasciare tutti a Lampedusa o sulle altre isole, senza trasferirli sulla terraferma. È quanto emerge al termine del vertice tenuto col suo omologo italiano Angelino Alfano a Vienna e del quale probabilmente si parlerà a lungo.

L’Austria ha sostanzialmente intimato al nostro Paese di interrompere il meccanismo in base al quale i miranti vengono distribuiti sul territorio nazionale dopo il salvataggio in mare e la fase di prima accoglienza. “Pretendiamo che venga interrotto il traghettamento di migranti illegali dalle isole italiane, come Lampedusa, verso la terraferma”, ha intimato Kurz, aggiungendo: “Se l'Italia dovesse continuare con i tempestivi trasferimenti sulla terraferma, da dove i migranti proseguono verso nord, non aumenterà solo il sovraccarico in Europa centrale, ma continueranno anche gli annegamenti”.

Nella lettura del Governo di Vienna, dunque, il problema è rappresentato dalla semplice possibilità che i migranti possano oltrepassare le Alpi e raggiungere l’Europa centrale, ragion per cui non si escludono altre iniziative di difesa dei confini. In particolare, ha aggiunto: “Se l'Italia dovesse applicare il lasciapassare verso il  nord, metteremo in sicurezza i nostri confini”. La chiusura del Brennero, in sostanza.