5.190 CONDIVISIONI
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO
20 Giugno 2022
16:23

Pizza a 4 euro, la risposta dei napoletani alla polemica di Flavio Briatore

C’è chi lo definisce “cafone arricchito”, c’è chi ricorda le motivazioni dello status di Patrimonio Unesco. Una cosa è certa: Briatore è stato sommerso dalle polemiche dopo aver toccato il valore popolare della pizza napoletana.
5.190 CONDIVISIONI
Uno dei meme ironici dopo le parole di Briatore
Uno dei meme ironici dopo le parole di Briatore
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO

La risposta dei napoletani alla polemica innestata da Flavio Briatore sulla pizza a prezzi popolari («come fanno a venderla a 4 euro? Cosa c'è dentro?») è stata un efflùvio di meme, di messaggi ironici, documentati o soltanto risentiti sui social network, molti dei quali direttamente a commento del video Instagram dell'imprenditore della catena Crazy Pizza. Unico a difendere Briatore  – a sorpresa – è stato un medico: l'infettivologo e personaggio televisivo Matteo Bassetti, che gli scrive pubblicamente: «È vero Italia, piena di invidiosi e rancorosi. Hai ragione».

Per il resto, la montagna di commenti era prevedibile, visti gli argomenti toccati, ovvero il cibo, i prezzi al consumatore e il rapporto ricchezza-povertà. Parliamo del costo di un prodotto popolare come la pizza cui si aggiunge lo sdegno per i super-scontrini all'uscita dalle catene di pizzerie di Briatore e poi, la sortita dell'imprenditore cuneese che ha attaccato chi propone il piatto simbolo di Napoli e si è pure autodefinito «un genio».

«Quindi a Napoli la pizza fa schifo e per si più le pizzerie sono tutte in Perdita? A Napoli con 5 euro mangi una "signora pizza" non un pastocchia dei tuoi locali» scrivono a Briatore sotto i commenti. Ma la selezione delle repliche all'imprenditore ex di Naomi Campbell ed Elisabetta Gregoraci è limitata, poiché ve ne sono migliaia.

Scrive una imprenditrice: «Tesoro tu ragioni con i soldi che hai che ti hanno dato al cervello. Probabilmente nella tua città ci sono tutti ricconi che si possono permettere queste cifre. Eppure noi comuni mortali le tasse le paghiamo ugualmente, anche se non vendiamo 50mila pizze al giorno. Nel weekend si recupera gran parte del ricavato, ci esce stipendio per tutti, guadagni e tasse con la pizza da  euro  in su. Altrimenti tutte le pizzerie esistenti in Italia avrebbero chiuso secondo il tuo stupido ragionamento Dove vivi? Forse ti pensi di stare a Dubai?»

Sono tante le reazioni, fra le quali c'è quella di Sergio Miccu, presidente dell'Associazione Pizzaiuoli Napoletani:

Il problema non è a quanto si venda la pizza con l'astice blu ma a quanto sia giusto vendere una margherita o una marinara con ingredienti di qualità. La pizza ha contribuito a sfamare intere generazioni superando le crisi più dure che la città ha vissuto. Dalla guerra al colera. Ma oggi si tratta di un piatto. Perciò le classiche conservino anche il valore della tradizione. Quelle cosiddette da chef che diventano un'altra cosa possono anche vedere prezzi diversi.

Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale e Presidente della Commissione Agricoltura replica così:

La vera pizza riconosciuta da Unesco e da UE con marchio STG è un piatto povero non per cafoni arricchiti. Sulla pizza napoletana non accettiamo lezioni da chi non ha nessun titolo per farne. Ancora una volta Flavio Briatore interviene a sproposito non sapendo minimamente di cosa parla. Briatore farebbe bene a venire a lezione dai pizzaioli napoletani dai quali potrebbe apprendere tanti segreti per una buona pizza realizzata con prodotti di qualità e alla portata di tutti. Faccia liberamente i suoi affari senza dare lezioni a chi rappresenta la storia e il successo di questo prodotto.

5.190 CONDIVISIONI
Quando Domino's (che ha chiuso in Italia) diceva di voler vendere le sue pizze a Napoli
Quando Domino's (che ha chiuso in Italia) diceva di voler vendere le sue pizze a Napoli
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni