419 CONDIVISIONI
28 Aprile 2022
14:05

Piano rischio vulcanico Campi Flegrei e Vesuvio: napoletani trasferiti in treni e bus in altre regioni

A Napoli 17 aree di attesa per rischio vulcanico di Vesuvio e Campi Flegrei. I cittadini poi trasferiti su treni e bus in altre regioni. Nino Simeone, presidente commissione Protezione Civile: “No all’allarmismo”
A cura di Pierluigi Frattasi
419 CONDIVISIONI

Sono 17 le aree di attesa per il rischio vulcanico a Napoli relativo al Vesuvio e ai Campi Flegrei. In caso di eruzione, la Protezione Civile del Comune provvederà ad agevolare l’esodo assistito verso queste aree. Dopodiché, la palla passerà all Protezione Civile regionale che porterà i cittadini nelle aree di incontro e da qui organizzerà gli spostamenti assistiti in altre regioni che avverranno con pullman e treni. Ad ogni Municipalità è stata assegnata una regione. Il piano di evacuazione è già pronto ed è attualmente in attesa di validazione da parte del Tavolo Vulcanico Regionale. Il Comune di Napoli oltre ai piani di evacuazione assistiti, sta preparando il piano di allontanamento autonomo; una prima parte deve essere ancora sottoposta al tavolo vulcanico regionale.

Piano rischio vulcanico, “È bene essere pronti”

Il tema è stato affrontato oggi, nel corso della commissione Protezione Civile, presieduta da Nino Simeone, con la partecipazione dell’assessore al ramo, Edoardo Cosenza, del dirigente di Protezione Civile, Pasquale Di Pace, e della responsabile della pianificazione Monica Adamo. L'assessore Cosenza, nel corso della discussione, ha anche lanciato l'allarme sulla mancanza di fondi e di risorse per la Protezione Civile di Napoli: "Non ci sono soldi nel bilancio finora. Chiedo almeno 200mila euro".

“Non dobbiamo fare nessun allarmismo – ha spiegato Nino Simeone – Ma i cittadini sono preoccupati dagli eventi sismici e dobbiamo informarli su quanto si sta facendo. Il piano di emergenza del Comune è importante, il rischio sismico è una cosa seria; mette in condizione i cittadini per sapere come si devono comportare. Dobbiamo far sapere alla cittadinanza i comportamenti da tenere in caso di emergenza”. Il Comune sta preparando delle App per informare la popolazione e probabilmente ci saranno anche delle brochure illustrative. Per Simeone, “bisogna dare la massima diffusione delle informazioni sui piani di evacuazione alla cittadinanza”.

La caldera dei Campi Flegrei.
La caldera dei Campi Flegrei

Cosenza: “Ogni Municipalità andrà in una regione”

L’assessore Edoardo Cosenza ha illustrato il piano vulcanico: “Ad ogni Municipalità è assegnata una regione, dove i cittadini saranno trasferiti in caso di evacuazione. I piani di protezione civile comunali, regionale e nazionale sono collegati”. La preoccupazione maggiore in questo periodo è dovuta ai terremoti dei Campi Flegrei, che, come il Vesuvio, sono costantemente monitorati. Nella caldera ci fu una enorme eruzione che svuotò completamente la camera magmatica esistente. “I Campi flegrei sono in livello attenzione, ossia giallo, da circa 10 anni – spiega Cosenza – Il Vesuvio invece è a livello verde. Dal livello di attenzione si può andare al livello di pre-allerta, arancione, o di allerta, rosso”.

Per quanto riguarda le zone di rischio, anche in questo caso distinte dai colori, la zona rossa è quella che va evacuata prima, poi tocca alla gialla. In caso di venti in quota provocati dall’eruzione, in genere il vento va verso est e porta la cenere che provoca crolli perché  si deposita sulle strutture. Napoli per l’emergenza del Vesuvio è in zona gialla che è poco esposta. Mentre il rischio è maggiore per i Campi Flegrei, a causa del vento verso est. Le due aree sono costantemente monitorate. L’Osservatorio Vesuviano misura i microsismi, la composizione del gas e gli spostamenti del terreno e in base a questi 3 parametri decide se salire o meno di soglia.

Cosa succede in caso di pre-allerta? In città arriva l’Esercito ed occorre liberare le strade per creare le vie di fuga. L’ ultima eruzione dei Campi Flegrei risale al 1548, quella di Montenuovo a Pozzuoli e l’anno prima furono consegnate terre ai cittadini da parte del re, terre emerse grazie al bradisismo dell’epoca. Questi microsismi dal punto di vista geofisico, sono uno dei segnali di possibile aumento del livello. Ma i terremoti anche se possono spaventare la popolazione  data la loro bassa magnitudo, non producono effetti.

Le aree di attesa per eruzione Zona Rossa Vesuvio

Quali sono le aree di attesa per la popolazione che vive nella Zona Rossa del Vesuvio, quelle gestite dalla Protezione Civile del Comune dove recarsi immediatamente, quindi? Sono tutte nella VI Municipalità:

  • campo sportivo Caduti di Brema, via delle Repubbliche Marinare, a Barra;
  • stadio comunale Ascarelli, via Argine, a Ponticelli;
  • stazione della Circumvesuviana di via Bartolo Longo a Barra.

Le aree di attesa per la Zona Rossa dei Campi Flegrei

Di seguito l'elenco delle aree di attesa per gli abitanti della Zona Rossa dei Campi Flegrei all'interno del Comune di Napoli:

  • piazza San Luigi, Posillipo, I Municipalità;
  • viale Virgilio, Posillipo, I Municipalità;
  • piazza Vittoria, Chiaia, I Municipalità;
  • piazza Sannazaro, Chiaia, I Municipalità;
  • via Rossini, Vomero, V Municipalità;
  • piazzale Monaldi, via Leonardo Bianchi, Chiaiano, V Municipalità;
  • via Gabriele Iannelli 190, Arenella, V Municipalità;
  • polifunzionale Soccavo, viale Adriano, Soccavo, IX Municipalità;
  • piazza Giovanni XXIII, Soccavo, IX Municipalità;
  • campo basket via Nabucco, Pianura, IX Municipalità;
  • area attrezzata via Mandela, Pianura, IX Municipalità;
  • esterno parco Falcone e Borsellino, via Torricelli Evangelista, Pianura, IX Municipalità;
  • piazza Italia, largo Lala, Fuorigrotta, X Municipalità;
  • via Marino, Fuorigrotta, X Municipalità;
  • piazzale Vincenzo Tecchio, Fuorigrotta, X Municipalità;
  • viale della Liberazione, Bagnoli, X Municipalità;
  • parcheggio ippodromo, Agnano, X Municipalità.

Eruzione Vesuvio e Campi Flegrei, dove andranno gli sfollati

Gli sfollati nelle aree di attesa saranno poi trasferiti dalla Protezione Civile della Regione Campania nelle aree di incontro e da qui nelle altre regioni italiane. Ecco dove andranno:

Per l'area dei Campi Flegrei

  • Abruzzo-Molise, Monte di Procida
  • Basilicata-Calabria, Bagnoli
  • Bolzano-Trento, Giugliano in Campania in parte
  • Emilia Romagna, Soccavo
  • Friuli Venezia Giulia, Chiaiano in parte
  • Lazio, Fuorigrotta
  • Liguria, Marano di Napoli in parte
  • In Lombardia, Pozzuoli
  • Marche Umbria, Bacoli
  • Piemonte Valle d’Aosta, Vomero in parte
  • Puglia, Pianura
  • Sicilia, San Ferdinando in parte, Chiaia
  • Sardegna, Posillipo
  • Toscana, Quarto
  • Veneto, Arenella in parte

Per l'area del Vesuvio

  • Abruzzo, Terzigno
  • Basilicata, Boscotrecase
  • Calabria, Boscoreale
  • Emilia-Romagna, Ercolano
  • Friuli Venezia Giulia, Palma Campania
  • Lazio, Ottaviano
  • Liguria, Cercola
  • Lombardia, Torre del Greco, Somma Vesuviana
  • Marche, Poggiomarino
  • Molise, Massa di Somma
  • Piemonte, Portici
  • Puglia, Torre Annunziata, San Sebastiano al Vesuvio
  • Sardegna, Pompei
  • Sicilia, Scafati, Trecase
  • Toscana, San Giorgio a Cremano
  • Trentino Alto Adige, Pollena Trocchia
  • Umbria, San Gennaro Vesuviano
  • Valle d’Aosta, Nola
  • Veneto, San Giuseppe Vesuviano, Sant’Anastasia, Enclave di Pomigliano d’Arco
419 CONDIVISIONI
Terremoti, sciame sismico nei Campi Flegrei: 8 scosse nel giro di un'ora
Terremoti, sciame sismico nei Campi Flegrei: 8 scosse nel giro di un'ora
Concerto di Gigi D'Alessio a piazza Plebiscito, il Santobono:
Concerto di Gigi D'Alessio a piazza Plebiscito, il Santobono: "Il regalo più bello ai bimbi malati"
Elezioni Comunali 2022, in Campania 89 città al voto: le informazioni utili
Elezioni Comunali 2022, in Campania 89 città al voto: le informazioni utili
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni